Torretta, con il test drive accertati 58 casi di coronavirus, tra cui alunni di materna, elementare e media

Con una relazione riepilogativa, il Dipartimento Prevenzione del Distretto 34 di Carini ha confermato, dopo aver processato gli esiti dei tamponi per la ricerca del SARS-CoV 2, effettuati a Torretta il 31 ottobre e l’1 novembre scorsi, la presenza di cinquantotto cittadini “positivi” al virus.

Nella stessa breve relazione, l’Asp ha sottolineato che il numero dei soggetti positivi, seppur elevato, deve essere commisurato all’ ulteriore accertata circostanza che i nuovi casi sono stati rilevati tra soggetti che risultavano già in isolamento domiciliare obbligatorio o perché positivi o perché appartenenti a nuclei familiari in cui erano già presenti componenti positivi.

E’ stato rilevato, inoltre, che tra i soggetti posti in isolamento domiciliare dai medici curanti, sono stati individuati ulteriori dieci casi di positività. E’ proprio in relazione alla evidenziata circostanza, per cui tutti i nuovi casi di soggetti positivi si sono verificati nell’ambito dei nuclei familiari già in isolamento, che l’ASP competente ha ritenuto non sussistenti le condizioni per richiedere un ulteriore periodo di proroga della “zona rossa” al Presidente della Regione.

La Commissione Straordinaria ha condiviso le valutazioni dell’ASP, evidenziando, comunque, la necessità di acquisire, con la dovuta urgenza, gli esiti delle ulteriori attività di screening effettuati nella giornata del cinque novembre 2020 che hanno riguardato diverse famiglie in isolamento ed ulteriori studenti dell’Istituto Comprensivo, non sottoposti a tampone nelle precedenti giornate di screening, ed eseguiti in data 27 e 28 novembre scorsi, nonché tutti i piccoli alunni della Scuola Materna.

Nella stessa serata di ieri sono pervenuti gli esiti dei tamponi effettuati il cinque novembre. Anche in questo caso il numero dei trentasei soggetti positivi deve essere ricondotto a famiglie già poste in isolamento.

Relativamente agli alunni dell’Istituto Comprensivo “Calderone” (plessi di Torretta) deve essere segnalato che, nelle giornate di screening del 27 e 28 ottobre sono state rilevate le positività di quattro studenti (sottoposti prima a tampone rapido e successivamente al molecolare) con conseguenti provvedimenti di isolamento domiciliare di tutti i componenti dei rispettivi nuclei familiari.

Gli esiti dei tamponi effettuati il cinque novembre u.s., sull’ulteriore gruppo di alunni della Scuola Media, ha permesso di rilevare ulteriori tre casi di positività con conseguente disposizione di isolamento per le famiglie degli stessi studenti.

Nella Scuola dell’Infanzia, oltre ad alcuni piccoli già posti in isolamento con i familiari, è emersa la positività di un bimbo e la presenza di due casi dubbi (circostanza questa che si verifica di frequente in considerazione della giovane età). La Dirigente dell’Istituto Comprensivo ed il Dirigente Medico dell’ASP stanno, ancora oggi, verificando la situazione di ogni singolo studente anche al fine di monitorare l’eventuale “negativizzazione” degli alunni risultati positivi nella classe in cui si sono verificati i primi contagi.

“Non può essere sottaciuto – scrivono in una nota i Commissari Straordinari che amministrano il comune di Torretta – che alcune famiglie, poche a dire il vero, hanno ritenuto di non prestare il consenso affinché i propri figli si sottoponessero allo screening collettivo, ricordiamo fortemente voluto da questa Commissione Straordinaria per arginare il diffondersi del virus. La Dirigente Scolastica ha comunque assicurato che le lezioni in presenza riprenderanno, (sicuramente, non nella giornata di domani) solo dopo una attenta ricostruzione della situazione di ogni singolo caso e previa idonea certificazione medica anche per quegli studenti che non si sono sottoposti a tampone. In ogni caso proseguiranno le lezioni già attivate con la didattica a distanza. L’analisi dei dati in nostro possesso – proseguono i Commissari – evidenzia chiaramente che gli interventi di contenimento posti in essere con la zona rossa, poi prorogata, per la durata complessiva di quindici giorni, hanno permesso di limitare l’espansione del virus che, come evidenziato, si è esteso, tranne rare eccezioni, solo nell’ambito delle famiglie in cui era stata già riscontrata la positività. A queste famiglie, che, con il loro comportamento diligente, paziente e rispettoso delle regole hanno permesso di limitare il diffondersi del contagio, va il nostro ringraziamento. A tutta la Cittadinanza, invece, un ringraziamento per il senso di responsabilità dimostrato in questi giorni di particolari restrizioni con un invito al rigoroso rispetto delle regole imposte con il nuovo DPCM che, com’è noto, prevede anche il divieto di allontanamento dal comune di residenza se non per giustificati motivi”.

La Commissione Straordinaria ringrazia i Medici di base, nelle persone della Dr.ssa Campo e del Dott. D’Accardo, per la paziente, attenta, puntuale e preziosa collaborazione offerta per un attento monitoraggio dell’andamento della curva epidemiologica. Un sentito ringraziamento alle Forze dell’Ordine ed alla locale Stazione dei Carabinieri, al Dirigente Scolastico e all’ASP, in tutte le sue articolazioni. Un sentito ringraziamento al Responsabile ed al Personale della Polizia Municipale oltre che al Personale del Comune di Torretta che si è dedicato, con dedizione ed impegno, all’interesse di tutta la collettività.

“Ribadiamo, infine, la necessità di non abbassare la guardia – conclude la Commissione Straordinaria – e confidiamo nella vostra collaborazione al fine di non rendere vano il sacrificio di questi ultimi giorni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy