Partinico, incendio di probabile natura dolosa nel parco macchine di una rivendita di “usato”

Un incendio di probabile natura dolosa ha parzialmente danneggiato un’utilitaria, in mostra nel parco auto di Di Paola Cars, rivendita di automobili usate con sede in contrada Turrisi a Partinico, nei pressi della strada statale 186, a pochi metri dalla rotonda dello svincolo per Alcamo. Le fiamme hanno lambito la parte posteriore di una Fiat Panda e solo grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco del locale distaccamento, allertati intorno alle 4 di questa mattina, le fiamme non si sono propagate alle altre autovetture esposte nell’area recintata da una semplice rete metallica. Un gioco da ragazzi per i malviventi, accedere nello spiazzale della rivendita di proprietà di Pasquale di Paola, 38 anni, imprenditore del luogo. Sul posto sono giunti anche i carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Partinico che indagano sull’accaduto. I pompieri, dai primi accertamenti, non hanno rinvenuto evidenti tracce di liquido infiammabile, ma il fatto che il rogo sia partito dalla parte posteriore dell’autovettura, esclude di fatto l’autocombustione. Peraltro, l’imprenditore, già nella notte dell’epifania del 2011 era stato destinatario di un attentato intimidatorio con il fuoco. All’epoca, la sua stessa attività commerciale, prima di trasferirsi in contrada Turrisi, aveva sede in viale dei Platani. In quel caso, i piromani presero di mira tre autovetture di lusso in mostra nel parco auto, una bmw, una mercedes e un’Audi che vennero completamente distrutte dalle fiamme. Danni parziali furono arrecati pure ad una quarta berlina a causa della propagazione delle lingue di fuoco. In quel caso, ad indagare fu la Polizia che accertò la matrice dolosa dell’incendio grazie al rinvenimento sul posto di una bottiglia con tracce di liquido infiammabile. Pasquale di Paola, stamani è stato sentito dai carabinieri del nucleo radiomobile che indagano sul presunto attento, ma lo stesso, così come nel gennaio del 2011, non sarebbe stato in grado di fornire spiegazioni sull’accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy