Capaci. Consiglio comunale: via libera all’aumento di Imu e Irpef, Tares rinviata

Ridimensionati in parte gli aumenti delle tasse, previsti nei giorni scorsi a Capaci. La maggioranza consiliare ha approvato l’incremento dell’Imu che passa da 0,76 a 1,06, il massimo consentito dalla legge. Nonostante il parere contrario dei revisori dei conti, via libera anche alla mozione presentata dal consigliere di minoranza Michele Guastella di “Ama Capaci” che prevede agevolazioni per chi concede una seconda casa in comodato d’uso ai figli. In questo caso, la seconda abitazione viene equiparata come prima casa.
Rimodulato l’aumento dell’Irpef che fino ad ieri era fissata allo 0,50. La proposta della giunta Napoli era quella di aumentare l’addizionale, in base al reddito. La maggioranza invece ha poi accolto la proposta del consigliere Misuraca di opposizione di aumentare l’irpef in modo lineare per tutte le fasce di reddito. La nuova addizionale approvata ieri è dello 0,65. Rinviato invece il possibile aumento della Tares. I consiglieri di minoranza hanno sollevato perplessità sull’aumento dei costi del servizio rifiuti, che rispetto allo scorso anno, sono passati da 1.900.000 a 2,400,000 euro. Il punto all’ordine del giorno è stato rinviato, in attesa che venga un tecnico dell’Ato rifiuti a spiegare i motivi che hanno comportato l’aumento dei costi. Costi che verrebbero addebitati ai cittadini con un aumento del 33% della tares. Fortemente critici i gruppi di opposizione. Per il consigliere comunale di “Rinnovamento Capaci” Erasmo Vassallo gli aumenti erano evitabili. “E’ un grosso carico fiscale che peserà sui cittadini – dichiara – si poteva intervenire riducendo gli sprechi per il personale e le consulenze esterne”. Per il consigliere de la Prospettiva Antonio Vassallo “il comune di Capaci ha imboccato una strada senza uscita che ci porterà al baratro, oltre agli aumenti non c’è infatti un minimo di progettazione per il futuro”. Replica alle accuse il sindaco Sebastiano Napoli che invece difende l’operato del consiglio comunale. “Ci siamo impegnati al massimo per venire incontro alle esigenze dei cittadini. Grazie alla collaborazione tra maggioranza e opposizione, sono state accolte delle proposte e siamo riusciti ad evitare pesanti aumenti. Il momento è difficile per tutti i comuni, ma le misure approvate sono necessarie per far quadrare i conti.”
Il consiglio comunale ha approvato infine la mozione per intitolare il lungomare alle vittime di Lampedusa e quella che impegna l’amministrazione a stanziare fondi per i disabili nelle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy