Allarme microcriminalità a Montelepre

E’ allarme microcriminalità a Montelepre. Ignoti malviventi approfittano del buio notturno per passare rapidamente da una zona all’altra, prendere di mira anche scarsi obiettivi e fuggire rapidamente non appena rischiano di venire scoperti. Ladri alla frutta, che forzano portiere di automobili per trafugare impianti stereo, ruote di scorta o crick; oggetti e materiali facili da piazzare al mercato nero ma da cui si possono solo ricavare poche decine di euro. Sono diverse le autovetture manomesse nelle ultime settimane, soprattutto utilitarie parcheggiate nelle strade periferiche del paese. Ma i malviventi devono stare più attenti di quanto immaginano. Perché sono in molti, ormai, ad essersi dotati di impianti di videosorveglianza, come si evince anche da queste immagini forniteci da un telespettatore , le cui telecamere hanno ripreso un colpo messo a segno proprio nelle vicinanze della sua abitazione. Risalire alla loro identità, per le forze dell’ordine, potrebbe essere un gioco da ragazzi, soprattutto se trattasi di soggetti schedati. Ma i ladri non si limitano ai furtarelli, prendono di mira anche case edificate in zone isolate, nelle periferie, in campagna, in zone di villeggiatura poco transitate durante la stagione invernale. Approfittano dell’assenza dei proprietari, di cui studiano le abitudini, per intrufolarsi dentro e fare razzia di ogni cosa che trovano: gioielli, soldi, apparecchiature elettroniche ed oggetti di valore vario. Cercano soprattutto oro, che selezionano accuratamente per poi rivenderlo. Ma non disdegnano gli orologi, l’alta bijoutteria e gli articoli firmati. Portano via addirittura le giare piene di olio d’oliva, come già avvenuto in un villino di Sagana.
I carabinieri della stazione di Montelepre, in queste settimane, hanno aumentato i controlli sulle strade e allo stesso tempo stanno raccogliendo elementi per poter “incastrare” i responsabili degli ultimi episodi registrati. Non si esclude che ad agire possa essere un unico gruppo di malviventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy