Balestrate, trentenne in stato di fermo per l’omicidio del trappetese Vincenzo Trovato

Ci sarebbe un trentenne, in stato di fermo, con l’accusa di essere il presunto omicida di Vincenzo Trovato, il 22 enne di Trappeto che nella notte ha perso la vita alla Guardia Medica di Balestrate dove il giovane è arrivato con una   ferita di arma da taglio alla gamba per morire poco dopo dissanguato. Il fendente ha reciso l’arteria femorale e la causa del decesso sarebbe infatti da attribuire ad una copiosa emorragia che la profonda ferita avrebbe provocato.

I carabinieri della compagnia di Partinico avrebbero portato in caserma un  trentenne del luogo ritenuto l’ipotetico autore dell’accoltellamento avvenuto probabilmente al culmine di una lite, all’ingresso del lungomare Felice D’Anna Di Balestrate dove, per tutta la mattinata,  i militari della sezione scientifica hanno eseguito i rilievi di rito che, si sono estesi nella vicina guardia medica locale dove, attualmente si trova la salma della giovane vita spezzata dalla violenza.  Sul posto, familiari ed amici della giovane vittima straziati dal dolore.

E’ successo tutto nel cuore della notte,  per strada, poco prima delle tre.  Gli investigatori stanno cercando di ricostruire il movente del delitto e raccogliendo prove per montare l’accusa contro il presunto responsabile. Sono stati ascoltati  gli amici di Vincenzo Trovato e,  soprattutto chi lo ha accompagnato alla Guardia Medica nel tentativo di salvarlo. I carabinieri stanno anche analizzando le immagini registrate da alcune spy cam presenti in zona che possono avere immortalato la scena dell’accoltellamento o i volti dei presenti. Vincenzo Trovato era nato negli Stati Uniti d’America, ma risiedeva con la famiglia a Trappeto sebbene originaria di Balestrate. Da quanto accertato non sarebbe arrivata nessuna chiamata al 112 per segnalare la rissa. I militari sarebbero stati chiamati dopo il decesso del giovane che, appena qualche ora prima, intorno a mezzanotte, aveva pubblicato una storia su instagram filmando la folla che stava ballando in un locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy