Partinico, consegnati i lavori alla ditta che dovrà consolidare Colle Cesarò

  Dopo  circa sei anni dall’ultimo  intervento  , verrà completato  il  consolidamento  del colle Cesarò che  domina la piana di Partinico  fino a mare.  “ I lavori assicura l’ingegnere Giuseppe Gallo del Comune, responsabile  unico del procedimento , lo scorso venerdi sono stati  già assegnati alla ditta appaltatrice e dovrebbero partire in settimana. Aspettiamo soltanto  il  nullaosta da parte  del Genio Civile”.   Si tratta del terzo ed ultimo stralcio  dei lavori che  l’ufficio regionale contro il  dissesto idrogeologico , ha affidato all’impresa Tecnosystem di Policoro  in Basilicata , che se li è aggiudicati  per un  importo di circa 400 mila euro. Il progetto è stato redatto dall’associazione  temporanea di professionisti  ( A.T.P.) composta dalle  ditte Progeo, Cafiso  e Sagi, tutte e tre siciliane. A giorni  , dunque , inizieranno i lavori per la messa  in  sicurezza  di questo tratto di costone roccioso, che in più parti presenta  segnali  di possibili  distacchi di massi che potrebbero raggiungere e mettere a rischio  quel tratto  della strada statale 186 che scorre ai piedi  del colle e compromettere  anche l’integrità dei serbatoi comunali  che si trovano a  valle , dove  viene accumulata l’acqua proveniente  dai pozzi per essere  distribuita i paese.” I lavori – spiega  il rup  Giuseppe Gallo – verranno realizzati sul fronte lato Palermo  e riguardano la realizzazione  di una barriera paramassi  a valle  dei serbatoi, il consolidamento  puntuale di alcuni  massi, già individuati nel progetto, che sono a rischio  distacco, nonché  l’applicazione di pannelli di rete  d’acciaio  rinforzati con funi sempre  d’acciaio” . “ Finalmente – afferma il  commissario straordinario  del Comune di Partinico Rosario Arena – si parte  con i lavori, ovviamente  con tutte le  garanzie  del caso. Adesso si aspettano i tempi  fisiologici per la realizzazione  dell’importate progetto. L’opera  che è partita  oltre  cinque anni  fa  potrà offrire alla collettività maggiore  serenità in termini di  sicurezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy