La mafia stragista: “siringhe infette” contro lo Stato

Cosa Nostra dopo la strage di Capaci aveva progettato un “cambio di strategia”, colpendo il patrimonio dello Stato attraverso “un attentato alla torre di Pisa o depositando siringhe infettate dall’Aids sulle spiagge di Rimini”: lo ha riferito il collaboratore di giustizia Giovanni Brusca, ascoltato come teste in videoconferenza dal carcere nel processo a Milano a carico di Filippo Marcello Tutino, ritenuto il basista della strage di via Palestro del 27 luglio 1993.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy