Alcamo, in manette pregiudicato che gestiva centro smistamento di cocaina

Gestiva un centro di smistamento di cocaina che contava numerosi clienti tra Alcamo, Castellammare del Golfo, Trapani e la provincia di Palermo. Gioacchino Pocorobba, per gli amici Davide, di 41, è stato arrestato stamani dagli uomini del commissariato di Polizia di Alcamo, al termine di una complessa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Trapani che ha emesso, nei suoi confronti, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il pregiudicato, è ritenuto responsabile di numerosi episodi di cessione di sostanze stupefacenti tra il novembre 2012 e marzo 2013. A Pocorobba, i poliziotti, sono arrivati a seguito di alcuni sequestri amministrativi eseguiti nei confronti di giovani assuntori di cocaina, ed alcune intercettazioni telefoniche ed ambientali che lo avrebbero incastrato. Dalle indagini, è emerso che Gioacchino Pocorobba, cedesse quotidianamente singole dosi di cocaina, a secondo delle commesse ricevute dai clienti, approvvigionandosi più volte, durante la stessa giornata, per consegnare la droga anche a domicilio nei paesi delle due province. Nonostante il linguaggio criptico utilizzato al telefono tra lui e i suoi interlocutori, la polizia, grazie anche ai tradizionali servizi di appostamento, sono riusciti ad identificare diversi assuntori di cocaina e ad attestare lo scambio attraverso il successivo rinvenimento della sostanza stupefacente quale prova del reato consumato. Nel corso dell’inchiesta a suo carico, diversi soggetti considerati suoi complici, sono stati denunciati a piede libero. Per le forze dell’ordine, Gioacchino Pocorobba è un personaggio conosciuto. Anni fa il suo nome apparve sulle pagine di cronaca nera per essere stato ferito, a colpi di arma da fuoco, al culmine di una lite esplosa davanti ad una discoteca. Inoltre è stato più volte oggetto di analoghe indagini giudiziarie. Dopo le formalità di rito, per Gioacchino Pocorobba, si sono aperte le porte della Casa Circondariale San Giuliano di Trapani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy