OPERAZIONE ANTIMAFIA TRA PALERMO E GLI STATI UNITI. 20 PERSONE FERMATE

Una imponente operazione antimafia tra Palermo e gli Stati Uniti, condotta dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e dalla Squadra Mobile di Palermo nei confronti di esponenti di “Cosa nostra”, coordinata dalla Procura della Repubblica di Palermo, ha portato al fermo di 20 persone. Le indagini, che concludono una serie di inchieste che hanno duramente colpito “Cosa nostra” (arresto di Bernardo Provenzano, di Salvatore e Sandro Lo Piccolo, di Domenico Raccuglia, di Giovanni Nicchi, nonche’ l’operazione “Gotha”), hanno consentito di destrutturare una famiglia mafiosa di Palermo, colpendone anche le rispettive proiezioni internazionali neli Usa. L’operazione “Paesan Blues” ha portato all’arresto di sei presunti mafiosi negli Stati Uniti, a New York e Miami. Con l’operazione, e’ stata duramente colpita, in particolare, la famiglia di “Santa Maria di Gesu'”, proiettata a sviluppare i suoi affari oltreoceano a New York e Miami. Le sei persone arrestate avrebbero ricoperto importanti incarichi per Cosa Nostra e gli vengono contestati gravi reati. Le indagini sono state condotte dagli investigatori dell’F.B.I., del Servizio Centrale Operativo, della Squadra Mobile di Palermo e degli special agents del F.B.I. di Miami e New York , che hanno lavorato in sinergia per oltre 2 anni. Associazione mafiosa, riciclaggio, estorsioni, tentato omicidio, traffico di droga e altro: sono questi i reati contestati dai magistrati e dagli investigatori dalla Polizia di Stato e dal F.B.I. sui due versanti attribuibile ai gruppi criminali. I particolari dell’operazione saranno illustrati in una apposita conferenza stampa che si terra’ presso la Questura di Palermo, alle ore 16.30, con la partecipazione dei magistrati inquirenti, degli investigatori del Servizio Centrale Operativo e della Squadra Mobile di Palermo, nonche’ di magistrati americani e funzionari del F.B.I. di New York e Miami. Analoga conferenza verra’ tenuta a Miami con la partecipazione di investigatori italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy