CARINI. ASSEMBLEA ITALTEL: “ESUBERI COLPA DI GOVERNO E TELECOM ITALIA”

Sono in assemblea da questa mattina i lavoratori dell’Italtel di Carini, dopo che l’azienda ha annunciato l’esubero di 450 dipendenti. Da giovedì i sindacati Fim, Fiom e Uilm hanno dichiarato 8 ore di sciopero per protestare contro il piano dei tagli programmato dall’azienda. “Colpa del governo che non investe sulla banda larga e di Telecom Italia che riduce gli investimenti” dichiano sindacati e dipedenti. L’Italtel ha come socio e committente per il 19% proprio Telecom italia. Il 48% è controllata dai fondi americani Clayton e Dubilier & Rice e per il 18% dal gruppo Cisco System.
Il gruppo Italtel progetta, sviluppa e installa soluzioni per reti integrate multiservizio (voce/dati/immagini) di nuova generazione per la telefonia.

Gli esuberi alla Italtel sarebbero conseguenza del calo di fatturato di circa 50 milioni di euro nel 2009 e di altrettanti previsti per 2010. In assemblea questa mattina diversi esponenti sindacali regionali e nazionali, tra cui Emilio Lonati della Fim Cisl nazionale, che hanno programmato le prossime iniziative per scongiurare la chiusura dell’azienda. Giovedì i dipendenti Italtel si potrebbero affiancare ai lavoratori Fiat di Termini Imerese nella protesta programmata davanti la sede dell’Assemblea Regionale Siciliana a Palermo. Lonati parla anche dell’incontro che si è tenuto a Milano nei giorni scorsi con i vertici dell’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy