VERTICE A PALAZZO D’ORLEANS TRA L’ASSESSORE REGIONALE AL TERRITORIO ED AMBIENTE MARIO MILONE, I SINDACI DELLA PROVINCIA DI PALERMO E I PRESIDENTI DEGLI ATO RIFIUTI DEL COMPRENSORIO PALERMITANO. PROROGATA L’APERTURA DELLA DISCARICA DI BELLOLAMPO PER 15 GIORNI AI MEZZI DELLA SERVIZI COMUNALE INTEGRATI. – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

VERTICE A PALAZZO D’ORLEANS TRA L’ASSESSORE REGIONALE AL TERRITORIO ED AMBIENTE MARIO MILONE, I SINDACI DELLA PROVINCIA DI PALERMO E I PRESIDENTI DEGLI ATO RIFIUTI DEL COMPRENSORIO PALERMITANO. PROROGATA L’APERTURA DELLA DISCARICA DI BELLOLAMPO PER 15 GIORNI AI MEZZI DELLA SERVIZI COMUNALE INTEGRATI.

Si è tenuto questa mattina a Palazzo d’Orleans a Palermo, un vertice tra l’assessore regionale al Territorio ed Ambiente Mario Milone, i sindaci della Provincia di Palermo e i presidenti degli Ato rifiuti del comprensorio palermitano. Durante l’incontro, i partecipanti sono convenuti sulla proroga dell’apertura della discarica per altri 15 giorni. In particolare i vertici dell’Ato Palermo 1 hanno chiesto alla Regione di farsi carico dei debiti accumulati nei confronti dell’Amia, ed hanno ribadito l’esercizio arbitrario adottato dall’azienda con la chiusura della discarica di Bellolampo ai mezzi della servizi comunali integrati. Per pagare i debiti si è anche ipotizzata l’istituzione di una fideiussione bancaria di circa 100.000 mila euro che ogni comune dovrà stipulare con la municipalizzata. In assenza di tale garanzia assicurativa, agli automezzi sarà consentito lo scarico solo dopo aver pagato di volta in volta una tariffa per la quantità di rifiuti conferiti. Al centro della riunione di stamani a Palazzo D’Orleans, anche la riorganizzazione degli ambiti territoriali ottimali: determinati i sindaci dei centri interessati nel ribadire il loro impegno nel trovare soluzioni efficaci e nel salvaguardare i posti di lavoro.

INTERVISTE NEL TG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.