PARTINICESE LADRA IN GIRO CON IL PANCIONE – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

PARTINICESE LADRA IN GIRO CON IL PANCIONE

Torna a far parlare di se, una 29enne originaria di Partinico che adesso va però in giro col pancione. Giuseppina Taormina, arrestata in provincia di Napoli,dopo una folle fuga già nel maggio scorso dai Carabinieri della Compagnia di Corleone, dove si era rifugiata dopo aver rapinato diversi anziani, narcotizzandoli. Ed anche questa volta l’accusa è di furto ma a delle guardie mediche. Oltre ad essere un’abile ladra, la Taormina a quanto pare ha anche delle ottime doti teatrali. Con dei complici, anche loro bravi attori, nel cast Ignazio Mulè, arrestato insieme alla ventinovenne nella stessa operazione dei Carabinieri di Corleone, nel maggio scorso, fingendosi malati e sfruttando la gravidanza di Giuseppina Taormina, sono riusciti a sottrarre e nella stessa notte, i portafogli di due medici di turno alle guardie mediche di Balestrate e San Cipirello. Davvero magro il bottino, appena 60 euro, un bancomat ed un carnet di assegni. I Carabinieri hanno subito smascherato Giuseppina Taormina, Ignazio Mulè, Giovanni Gianrosso ed Elisa Mulè, entrambi di Camporeale. Sono stati poi condannati dal giudice del tribunale monocratico di Partinico, Giacomo Barbarino per furto e furto aggravato. Diverse le pene per i quattro ladri. Ignazio Mulè (detenuto), accusato di essere il palo, non è stato però riconosciuto dai due medici e perciò è stato assolto. Giuseppina Taormina (in comunità per altri reati) ed Elisa Mulè (incensurata) sono state condannate a un anno di reclusione e due mesi di reclusione e 300 euro di multa, mentre Giovanni Gianrosso (detenuto) ad un anno e 200 euro di multa. I fatti risalgono al 22 aprile del 2005, nella guardia medica di Balestrate. Ad avere il ruolo da protagonista nella rapina, la Taormina…

I PARTICOLARI NEL TG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.