SAN GIUSEPPE JATO. PENSIONATO COLTIVAVA DROGA IN CASA – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

SAN GIUSEPPE JATO. PENSIONATO COLTIVAVA DROGA IN CASA

Coltivava marijuana all’interno della propria abitazione. Per coltivazione illecita di sostanze stupefacenti è finito in manette Giuseppe Ferrara, 71 anni di San Giuseppe Jato. I carabinieri della locale stazione, coadiuvati dai colleghi della vicina caserma di San Cipirello e dal personale del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Monreale, hanno perquisito la sua residenza, che si trova nella centralissima piazza Salvatore Riccobono, dopo una mirata attività info-investigativa. Nella sala d’ingresso dell’abitazione, i militari hanno rinvenuto e sequestrato una pianta di canapa indiana alta circa 1,70 che l’anziano aveva piantumato in una grossa pentola da cucina. Altri 36 arbusti, di altezza variabile da 50 cm a 1 metro e 20, sono stati trovati in cucina. Queste venivano coltivate in contenitori di plastica per idropittura. Durante le fasi della perquisizione, sono stati rinvenuti, adagiati per terra, un rotolo di carta stagnola, una confezione di sacchetti frigo ed un contenitore in vetro con all’interno 148 semini di cannabis indica. Per Giuseppe Ferrara, che vive da solo, sono scattate le manette ai polsi. Su richiesta dei militari dell’Arma, è stato contattato il presidente e legale rappresentante della Cooperativa “PLACIDO RIZZOTTO – LIBERA TERRA”, l’agronomo Giovanni Luca Faraone, il quale giunto in Caserma, dopo aver eseguito un attento esame sulle piante oggetto di sequestro, ha accertato che le stesse si trovavano in buono stato vegetativo. La marijuana sarà inviata, adesso, al Laboratorio Analisi del Comando Provinciale dei Carabinieri, al fine di individuare in maniera certa il tipo di pianta e la quantità di principio attivo in essa contenuta. Giuseppe Ferrara, come disposto dal P.M. di turno della Procura della Repubblica di Palermo, Sara Micucci, che ha coordinato le indagini, dopo aver trascorso la notte in Caserma presso le celle di sicurezza sarà giudicato con rito direttissima. L’operazione dei carabinieri segue quella dello scorso 7 luglio, data in cui è stata scoperta una maxi piantagione di canapa indiana, coltivata in serre tra Monreale e San Giuseppe Jato. In quella occasione sono state sequestrate circa 10 mila piante il cui valore commerciale, se immessa nel mercato dello spaccio al dettaglio, avrebbe fruttato circa tre milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.