PARTINICO. BLOG LIBERAMENTE. L’ARCHIVIO DI CASARRUBEA SARA’ DONATO AD ALTRI COMUNI – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

PARTINICO. BLOG LIBERAMENTE. L’ARCHIVIO DI CASARRUBEA SARA’ DONATO AD ALTRI COMUNI

Non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire ma qui siamo, presumibilmente, di fronte a qualcuno che non è dotato di apparato uditivo. “L’Amministrazione comunale di Partinico si ostina a ignorare una raccolta straordinaria di documenti, ormai da molti anni, di conseguenza, lo storico Giuseppe Casarrubea e l’Associazione ‘Non solo Portella’ di cui è Presidente si vede costretta ad indire un bando pubblico per l’assegnazione gratuita dell’Archivio che comprende carte provenienti da  Washington, Londra, Roma, Lubiana e da collezioni private italiane”. Lo storico partinicese, autore (in collaborazione con Mario J. Cereghino) del recente volume “Lupara nera e de “La guerra segreta alla democrazia in Italia, 1943-1947”, (Milano, Bompiani, 2009) ha deciso di indire un bando tra i Comuni siciliani e di altre Regioni italiane per l’assegnazione gratuita di circa ventimila documenti sulla seconda metà del XX secolo, raccolti negli ultimi quindici anni e costituenti l’Archivio storico “G. Casarrubea”, dedicato alla memoria di suo padre, assassinato a Partinico dalle squadre mafiose e neofasciste nel 1947. La notizia è stata pubblicata sul blog Liberamente. Cosa se ne deve fare il Comune di Partinico del suo archivio? Porta voti? Dà lavoro? Porta soldi e affari? La risposta a tutte queste domande è scontatissima. Perché ostinarsi a offrire cultura a una amministrazione comunale e una comunità che non ne avverte il bisogno e che pensa a tutt’altro? Perché – si legge su partinico.info – questa gente passa e la memoria rimane o almeno dovrebbe rimanere. “Con grande amarezza – afferma Casarrubea – ho preso atto che la giunta comunale di Salvo Lo Biundo, sindaco da oltre un anno,  preferisce investire denaro in feste di piazza, pane e panelle, piuttosto che valorizzare un patrimonio culturale di indubbio valore. La giunta comunale partinicese si è rivelata irresponsabilmente estranea non solo alla salvaguardia dell’identità e della memoria della nostra città, ma anche della Sicilia e della Repubblica italiana”. “L’ Archivio – spiega lo storico – ha consentito la pubblicazione di vari volumi editi dalla Casa Editrice FrancoAngeli (Milano) e dalla Bompiani (Milano), a partire dal 1997: ‘Portella della Ginestra. Microstoria di una strage di Stato’; ‘Come nasce la Repubblica’, a cura dello storico Nicola Tranfaglia; ‘Storia segreta della Sicilia’, scritto da me; ‘Tango connection’ scritto da Cereghino e da me; ‘Che Guevara top secret’, scritto dal saggista e giornalista Vincenzo Vasile e da Cereghino. Di recente, infine, il direttore editoriale della Casa Editrice ‘Chiarelettere’ di Milano, Lorenzo Fazio – alla quale collaborano intellettuali, giornalisti e scrittori come Marco Travaglio, Peter Gomez, Salvatore Giannella e Giuseppe Lo Bianco – ha preso contatto con il nostro Archivio per la pubblicazione di una storia della guerra fredda in Italia in tre volumi, alla quale lavoreremo assieme al giornalista e scrittore Giovanni Fasanella della rivista ‘Panorama’.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.