PROVINCIA PA. PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

PROVINCIA PA. PIANO TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE

Il Consiglio provinciale presieduto da Marcello Tricoli ha approvato nella seduta di ieri sera il Piano triennale delle Opere pubbliche 2009/2011. Si sono espressi a favore i rappresentanti di Udc, An-Pdl, Mpa, mentre hanno votato contro gli esponenti di Rifondazione comunista, Italia dei Valori e Sinistra e Libertà.

Presenti alla seduta gli assessori Gigi Tomasino (Programmazione), Carola Vincenti (Bilancio), Salvatore Cerra (Patrimonio). Il documento di programmazione della Provincia prevede 407 opere (di cui 194 nel settore viabilità) contro le 296 del precedente triennale, con un fabbisogno finanziario di oltre 2 miliardi e 658 milioni. Soltanto 7 gli emendamenti approvati tra i 121 presentati per la maggior parte dalle forze di opposizione, che comunque non mutano il numero delle opere del Piano. Vengono infatti inserite nell’anno 2011 le nuove costruzioni per un istituto turistico-alberghiero a Carini (8 milioni 500 mila euro) e per un liceo classico a Torretta ( 9 milioni 800 mila euro), mentre vengono soppresse, con motivazioni tecniche, i progetti per il centro di interscambio modale di Brancaccio e la manutenzione straordinaria per la Sp 47 “Di Ravanusa”. Approvati poi altri 5 emendamenti, primo firmatario il consigliere Antonio Marotta di Rifondazione comunista, ma condivisi da tutto il Consiglio, che modificano in meglio la priorità delle opere per il porto peschereccio dell’Arenella, per la costruzione del liceo artistico a Bonagia, per i lavori nel liceo scientifico Cannizzaro di Palermo, per la palestra e i campetti esterni all’Ipssar Borsellino di Palermo, per una palestra e un auditorium a Brancaccio. All’unanimità è passato anche un emendamento tecnico a firma del Presidente Tricoli per la modifica della denominazione dei lavori sulla Sp n. 14 “Di Casalgiordano”. L’aula a conclusione dei lavori ha votato pure degli ordini del giorno e dunque come atti di indirizzo per il futuro piano triennale, per lavori di miglioria nel Palazzetto Orlando di Palermo (primi firmatarie le consigliere di Idv Luisa La Colla e Giusy Scafidi), della realizzazione del Palazzetto dello Sport a Termini Imerese ( primo firmatario il Presidente della Commissione Programmazione Pietro Vazzana Pdl), per una funivia tra Palermo e Montepellegrino ( primo firmatario il Presidente del Consiglio Marcello Tricoli), per la realizzazione di un Parco sub urbano nell’invaso Poma a Partinico ( primo firmatario il consigliere Enzo Briganò Mpa), per l’illuminazione in punti rischio degli svincoli delle strade di competenza della Provincia (a firma della Commissione Viabilità ) e per predisporre la progettualità di altre 24 opere da inserire nel prossimo Piano triennale (a firma di tutti i capigruppo).

“ E’ un documento – sottolinea il Presidente della Provincia Giovanni Avanti – che si caratterizza per il metodo innovativo rispetto al passato. Esso è frutto di un percorso di concertazione che abbiamo avviato attraverso la conferenza permanente dei sindaci del territorio, utilizzando gli strumenti del Piano strategico per lo sviluppo economico. Con il contributo del Consiglio e delle Commissioni, la Provincia ha così interpretato al meglio il suo ruolo di Ente di coordinamento sovracomunale”. Soddisfazione anche da parte del Presidente del Consiglio Marcello Tricoli. “ L’aula è stata propositiva con senso di responsabilità – ha detto – rispettando comunque i ruoli di maggioranza e opposizione. Siamo riusciti a varare in poche sedute un importante strumento per lo sviluppo economico che rimane ancorato alla realtà territoriale”.

Per l’assessore alla Programmazione Gigi Tomasino “ Il Piano rappresenta il primo documento di programmazione di questa Giunta per un governo di area vasta riconosciuto perché condiviso. Ringraziono l’intero Consiglio non solo per la celerità con cui si è pervenuti alla sua approvazione ma per il contributo che tutti i consiglieri hanno fornito per la stesura finale del documento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.