CASTELLAMMARE DEL GOLFO. SI E’ CONCLUSO IL TROFEO TRINACRIA – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

CASTELLAMMARE DEL GOLFO. SI E’ CONCLUSO IL TROFEO TRINACRIA

«Un’iniziativa di grande importanza sportiva e sociale della quale sono particolarmente fiero, perché diretta ad una completa integrazione dei disabili. La creazione di un “porto senza barriere” è proprio lo scopo che si è prefissa quest’amministrazione, siglando un protocollo d’intesa con il Comitato Italiano Paraolimpico, e l’associazione sportiva Benacensis, per realizzare una piattaforma stabilmente operativa all’interno del porto, dedicata all’attività sportiva per disabili. Il nostro paese vuole diventare punto di riferimento siciliano per le attività sportive aperte ai disabili. Per veleggiare ci vuole molta capacità e la “velasolidale”, come dimostra il trofeo appena conclusosi, rappresenta un modo per superare distanze e pregiudizi». Lo ha affermato il sindaco Marzio Bresciani a conclusione del Trofeo Trinacria”, campionato di vela a match race per non vedenti, svoltosi dal 3 al 5 luglio nelle acque antistanti il porto di Castellammare del Golfo. L’inziativa è stata organizzata dal Comune di Castellammare del Golfo, con il Comitato Italiano Paraolimpico e l’associazione sportiva Benacensis di Brescia, nell’ambito del Centro Lars Grael, una piattaforma permanente di servizi e di opportunità per la cultura del mare e dello sport, a favore dei “diversamente abili”. Oltre al Trofeo Trinacria, nel corso dell’anno saranno realizzate le seguenti inziative: Laboratorio “Velamente”, esperienza di studio e terapia realizzata attraverso lo sport velico, che vedrà il coinvolgimento di disabili mentali siciliani; il contributo dell’associazione gardesana Hyak e del dottor Luigi Nobili (primario del reparto di psichiatria dell’ospedale di Desenzano) e la collaborazione di cinque medici specialisti del territorio trapanese. E’ questo il primo, importante, effetto che si è determinato successivamente al convegno nazionale “Un polo per la disabilità, un porto senza barriere”, tenutosi a febbraio presso il Castello arabo-normanno di Castellammare del Golfo. Quindi “ricerca scientifica sugli effetti della Velaterapia a favore delle disabilità”, per lo studio e l’identificazione dei benefici eventualmente prodotti a favore di individui diversamente abili attraverso la pratica della vela. L’indagine scientifica sarà incentrata su individui affetti dalle seguenti patologie: amputati, non vedenti, para e tetraplegici, disabili mentali con particolare attenzione alla popolazione “down”. Il Comune di Castellammare del Golfo e la Provincia regionale di Trapani, per la realizzazione del progetto si avvalgono della collaborazione di varie associazioni e delle istituzioni lombarde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.