ATO RIFIUTI PA 1. PALAZZOLO INVITA I SINDACI ALLA RESPONSABILITA’ – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

ATO RIFIUTI PA 1. PALAZZOLO INVITA I SINDACI ALLA RESPONSABILITA’

Un invito ai sindaci ad assumersi le dovute responsabilità è stato pubblicamente lanciato stamani dal Presidente dell’Ato Rifiuti Palermo 1 Giacomo Palazzolo ai vertici istituzionali dei 12 comuni soci della Servizi Comunali Integrati che gestisce la raccolta dei rifiuti. Un incontro promosso dalla stessa società d’ambito territoriale ottimale per affrontare le numerose problematiche legate principalmente agli ingenti crediti vantati sugli enti locali che stentano ad onorarli. Ciò a fronte di una istanza di fallimento che pende sull’ato, avviata dall’Amia di Palermo che intende recuperare dalla società del partinicese, circa 16 milioni di euro per il conferimento dei rifiuti in discarica. Basta con lo scarica barile, basta con la guerra tra sindaci e ato, basta ai contenziosi che non producono altro che ulteriori aggravi economici, ha detto Palazzolo alla platea intervenuta al dibattito. E’ il momento di avviare la lotta all’evasione, di promuovere seri progetti di educazione ambientale per abituare i cittadini a differenziare i rifiuti e di non abbandonare ovunque gli ingombranti. E’ arrivata l’ora di rivedere attraverso dei piani comunali le reali esigenze di ogni singolo ente locale e di trasferire le competenze della riscossione della tariffa di igiene ambientale alla stessa società d’ambito. Su questi principi si basa l’apertura del nuovo dialogo avviato con gli amministratori, invitati a pagare le spettanze arretrate. Aperti al dialogo i sindaci di Carini, Capaci e Borgetto. Per il sindaco di Balestrate Tonino Palazzolo si tratta di una operazione tardiva e annuncia a nome, anche dei colleghi di Montelepre e Giardinello, che intende procedere con l’azione legale avviata nei confronti della società. Le interviste nel tg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.