Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

ARS. COOP EDILIZIE, COMM. BILANCIO DA VIA LIBERA PER IL DDL

Il disegno di legge per l’utilizzo delle agevolazioni creditizie in favore delle cooperative edilizie, presentato dal governo Lombardo e predisposto dall’assessore al Bilancio, Roberto Di Mauro, quando ricopriva la carica di assessore alla Cooperazione, ha avuto, oggi, dalla commissione Bilancio dell’Assemblea regionale siciliana il “via libera” per l’Aula. Il ddl prevede la proroga dei termini per l’avvio dei programmi costruttivi, che le cooperative erano costrette a sforare a causa dei ritardi nella individuazione, da parte dei comuni, delle aree da destinare a edilizia sociale e detta le linee di programmazione per lo sviluppo del territorio, in sintonia con le esigenze di nuova edilizia abitativa. Il testo fissa, inoltre, le direttive per la individuazione delle aree da destinare a edilizia sociale, che potranno essere soltanto nei centri storici (zone A), nelle zone attigue ai centri (zone B) e nelle aree di espansione (zone C). I comuni con più di 50 mila abitanti dovranno espressamente prevedere, nei piani regolatori, delle aree per l’edilizia sociale, non soltanto nei centri storici, ma anche nelle zone di espansione: nelle cosiddette zone C, almeno il 30% delle aree dovrà essere riservato all’edilizia sociale. In questo caso, -spiega l’Assessore Di Mauro- il disegno di legge punta a favorire l’integrazione sociale e a scongiurare il rischio di nuovi quartieri-ghetto, come è successo nelle grandi città: gli immobili di edilizia sociale dovranno essere inframmezzati con quelli di edilizia ordinaria. Vengono snellite, comunque, le procedure per l’approvazione dei programmi costruttivi da parte dei comuni e per l’acquisizione dei pareri dell’assessorato regionale al Territorio e delle sovrintendenze alle antichità per i comuni assegnatari di finanziamenti per l’edilizia economico-popolare agevolata, in modo da velocizzare i tempi per l’assegnazione delle aree alle coop, eliminando il principale ostacolo all’avvio dei lavori”. “Le nuove norme – conclude l’assessore – avranno importanti ricadute sulla riqualificazione delle nostre città, attraverso il recupero degli immobili dei centri storici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.