PARTINICO. TORNA IN LIBERTA’ MICHELE VITALE – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

PARTINICO. TORNA IN LIBERTA’ MICHELE VITALE

di Graziella di Giorgio

Torna in libertà Michele Vitale , fratello dei boss Vito e Leonardo, entrambi considerati capimandamento della cosca di Partinico. Michele Vitale, 52 anni, appartenente alla nota famiglia mafiosa e di sangue dei “ Fardazza”, finora detenuto per associazione mafiosa ed estorsioni, è stato scarcerato per decorrenza di termini e sottoposto alla misura della prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con l’obbligo di soggiorno a Partinico, per la durata di tre anni e sei mesi, con decreto emesso dalla I sezione –misure di prevenzioni del tribunale di Palermo.  Il Vitale adesso vive con la famiglia nella sua abitazione di via Colombo, con l’obbligo di non uscire la mattina prima delle sette e di non rincasare la sera più tardi delle 20.  Agli agenti del locale commissariato di polizia , retto dal vicequestore Fabio Giordano, il compito  di controllare l’uomo, per l’osservanza delle prescrizioni della misura della sorveglianza speciale, impostigli dal tribunale. Allo stesso componente del clan Vitale, è  stata applicata altresì una cauzione di circa cinque mila euro dalla Cassa delle Ammende. Tra gli altri obblighi a carico di Michele Vitale , anche quello della firma che lo stesso dovrà opporre tre volte la settimana , sull’apposito registro ,presso il commissariato di pubblica sicurezza della cittadina e di non accompagnarsi con soggetti pregiudicati. Michele Vitale era stato raggiunto da un ordine di custodia cautelare in carcere nel novembre del 2004 ( pare che fosse già detenuto), nell’ambito di una maxiretata antimafia, che aveva colpito al cuore  il clan  Vitale con l’arresto di ben altri 23 soggetti, tutti accusati di associazione mafiosa ed estorsioni. In quella occasione erano finite in carcere anche  Maria Gallina e Antonina Vitale, rispettivamente moglie e sorella  di Leonardo Vitale.  L’indagine, allora condotta  dai carabinieri e dalla guardia di finanza e dai pm Francesco del Bene e Maurizio De Lucia ( gli ordini di custodia erano stati firmati dal gip  Antonio Tricoli), sarebbero ruotate proprio attorno alla figura di Maria Gallina. Sarebbe stata lei , secondo gli investigatori,  a smistare gli ordini del marito rinchiuso da anni con il  41 bis ( il regime del carcere duro). Casalinga,donna di mafia  e manager per il clan, Maria Gallina a 48 anni era un boss in gonnella che dava ordini ai gregari, che riscuoteva il pizzo, che gestiva la cosca con il marito , in posizione paritaria. Così nel clan Vitale dopo l’arresto dei boss Vito e Leonardo, il vertice venne occupato dalle “femmine”: Maria Gallina e Giusy Vitale, quest’ultima sorella del boss Vito e degli altri “Fardazza, Michele e Leonardo . Giusy, anche lei ,ritenuta reggente del mandamento, avrebbe ordinato l’omicidio di un muratore . Poi ha saltato il fosso, divenendo una pentita. La Gallina curava gli affari dal salotto di casa, dava lavoro agli “impiegati di mafia”, aveva ampia facoltà contrattuale, aveva  potere di vita e di morte e controllava il territorio. Leonardo e Vito Vitale , entrambi già condannati all’ergastolo, nonostante il carcere duro, comandavano su tutta la linea  e imponevano il pizzo alle imprese. Attorno al clan dei Fardazza, gli investigatori  hanno già fatto un’eccellente operazione di bonifica con arresti eccellenti di soggetti mafiosi che, in assenza dei  Vitale , avrebbero cercato di mettersi al vertice del mandamento di Partinico. Vito Vitale, la cui carriera criminale  è stata contrassegnata da un’ascesa folgorante e da una caduta fragorosa, è stato catturato dagli uomini della squadra mobile il 15 aprile  del 1998

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.