OGGI I FUNERALI DEL FIGLIO MINORE, MORTO SUICIDA, DELL’IMPRENDITORE EDILE SCOMPARSO NEL NULLA DA ISOLA DELLE FEMMINE – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

OGGI I FUNERALI DEL FIGLIO MINORE, MORTO SUICIDA, DELL’IMPRENDITORE EDILE SCOMPARSO NEL NULLA DA ISOLA DELLE FEMMINE

<!– @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } –>

Verranno celebrati alle 16 di oggi nella chiesa Mater Misericordiae di via Liguria a Palermo i funerali di Marco Maiorana, 22 anni, il figlio dell’imprenditore scomparso un anno e mezzo fa, che ieri sera ,buttandosi dal settimo piano di un palazzo di Via Generale Arimondi, e’ morto sul colpo. La salma e’ gia’ stata restituita alla madre, Rossella Accardo. La procura, che indaga sulla sparizione del padre del suicida, Antonio Maiorana, 48 anni, e del figlio Stefano di 23, non ha disposto l’autopsia. Del padre e del fratello di Marco si erano perse le tracce il 3 agosto del 2007. Poi a dicembre scorso sarebbero stati, visti e riconosciuti come frequentatori della discoteca Pacha di Barcellona, in Spagna, da due turisti italiani, grazie alle immagini della trasmissione “Chi l’ha visto?” e da alcune foto diffuse da un settimanale. Alla testimonianza dei turisti sono seguiti i riscontri “positivi” degli investigatori italiani, andati in Spagna. E proprio nella città spagnola Marco, il figlio minore di Maiorana, si era recato qualche giorno prima in un viaggio improvviso che aveva insospettito la madre Rossella Accardo, ex moglie dell’imprenditore. Da qui il sospetto, aggravato dal fatto che qualcuno doveva avere subito avvertito gli imprenditori dell’avvistamento, che Marco in realtà sapesse sin dall’inizio che i suoi familiari non erano morti, ma fuggiti via per un motivo ancora tutto da chiarire, probabilmente una truffa da cinque milioni di euro per la realizzazione di alcune villette di edilizia popolare, un cantiere in cui Maiorana era in società con imprenditori vicini ad ambienti mafiosi. Gli inquirenti hanno sequestrato il pc del giovane suicida. Il 3 agosto del 2007, Antonio e Stefano Maiorana avevano lasciato un cantiere edile di Isola delle Femmine, dove avevano fatto la solita visita di routine; da quel momento di loro non si erano più avute notizie. L’ex moglie di Antonio Maiorana, Rossella Accardo, non aveva mai creduto nella morte del marito e del figlio, anche quando sembrava certo che fossero stati inghiottiti dalla lupara bianca. La donna propendeva per l’ipotesi del sequestro, e insieme ad altri parenti, due mesi dopo la scomparsa aveva organizzato una fiaccolata per le vie di Palermo, e prima dello scorso Natale ha fatto affiggere duemila manifesti per “non dimenticare” sui muri della città. Marco Maiorana era ritornato da pochi giorni nell’appartamento di via Arimondi dove ieri sera si è suicidato. In questa casa aveva abitato insieme al fratello Stefano fino al giorno della sua scomparsa. Marco si era poi trasferito a casa della madre. In quella casa, dove abitava con il fratello scomparso insieme al padre, era tornato solo da poche settimane. Ieri sera, dopo una giornata pesante, un pranzo di famiglia finito nell’ennesima dura discussione sulla sorte e sulle responsabilità dei suoi familiari, Marco Maiorana, 22 anni, ha aperto la porta finestra del balcone e si è buttato giù dal settimo piano, portando via con sé quei segreti che forse custodiva sul mistero diella scomparsa del padre e del fratello. Marco Maiorana aveva 22 anni. Si è lanciato nel vuoto e il suo corpo è finito nel cortile che si trova all’interno di un commissariato di Polizia. Le indagini sul suicidio sono condotte dai sostituti Francesco Del Bene e Gaetano Paci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.