Punta Raisi, trappetese in manette per coltivazione di stupefacenti

Di ritorno in Sicilia in aereo, dopo aver fatto un viaggio ad Amsterdam con scalo a Milano Malpensa, non è passato inosservato al fiuto del cane antidroga delle fiamme gialle in servizio all’aeroporto Falcone e Borsellino. Il pregiudicato R.S., 37 anni, residente a Trappeto, è stato fermato dai finanzieri della compagnia di Punta Raisi nell’aerostazione. Sottoposto a controllo, presso lo stesso scalo aeroportuale, l’uomo è stato trovato in possesso di 4 mila euro in contanti. Considerati i suoi precedenti penali in materia di sostanze stupefacenti,   su disposizione della Procura della Repubblica di Palermo, la Guardia di Finanza ha proceduto alla perquisizione domiciliare dell’abitazione di Trappeto dove, i militari, hanno rinvenuto, abilmente occultati in un comodino,   assegni in bianco percirca 2 mila euro, ulteriore denaro contante  per un totale di circa 30 mila euro e 7 dosi di marijuana essiccata. Da approfonditi controlli, i finanzieri hanno pure scovato una vera e propria serra, con flaconi di fertilizzante e tutto l’occorrente per la coltivazione della cannabis indica. La sostanza stupefacente, il denaro nonché i titoli di credito rinvenuti, sono stati sottoposti a sequestro, mentre per il viaggiatore sono scattate le manette. L’uomo adesso è a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.