San Cipirello, vandalizzato albero natalizio di piazza Matrice

Realizzato nelle scorse settimane dai volontari dell’associazione “Generazione Jato”, era stato inaugurato l’8 dicembre. Un “albero della pace” con i colori dell’arcobaleno e le bandiere di diverse nazioni. Una settimana dopo la sua collocazione sono già sparite alcune bandierine e il drappo arcobaleno è stato strappato in diversi punti. “Hanno reso spoglio un albero che inneggiava alla pace – protesta Leonardo Todaro del Comitato “Rialziamoci San Cipirello”-. Tanto lavoro distrutto da un gruppo di vandali”. E non è andata meglio alle stelle di Natale che colorano la gradinata. Alcune sono -infatti- sparite.

L’anno scorso un analogo trattamento era toccato al presepe ecologico realizzato nella stessa piazza, da tempo diventata una zona franca dove gruppi di ragazzini si esercitano, impuniti, in atti vandalici.
A lanciare un appello alle famiglie sono i consiglieri comunali Rosaria Cucinella e Vincenzo Randazzo, che ieri hanno constatato i danni arrecati nella piazza: “Stiamo tentando di rendere più accoglienti il centro storico – ci dicoono – con nuove panchine, fioriere e cestini. Ma serve la collaborazione da parte di tutti”.

Da tempo i residenti del quartiere che si estende attorno alla piazza principale denunciano schiamazzi e intemperanze ad opera di preadolescenti. Il parroco don Giuseppe Billeci in più occasioni è stato costretto a chiedere l’intervento dei vigili urbani per arginare danni e maleducazione. Tanto che la chiesa madre, già da alcuni mesi, si è dotata di telecamere di video-sorveglianza. E da più parti si lanciano appelli affinché se ne installino altre nella piazza. Occhi elettronici chiamati a sostituire quelli genitoriali, puntati altrove.

di Leandro Salvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy