Partinico, controlli di carabinieri e caschi bianchi nella zona Peep: 5 denunce

Cinque denunce a piede libero, scoperta un’area di stoccaggio di rifiuti abusiva, diversi furti di energia elettrica e l’occupazione illecita di alcuni immobili. E’ il bilancio della vasta operazione di controllo condotta nei giorni scorsi dai carabinieri della compagnia di Partinico e dagli Agenti di Polizia Municipale, nell’area Peep di contrada Raccuglia, dove da anni impera il degrado ambientale e sociale e in cui nel tempo sono proliferate  discariche a cielo aperto e depositi di materiale ferroso sulla pubblica via che, oltre a recare danno alla salute dei cittadini, alimentano e favoriscono circuiti criminali connessi alla gestione illecita dei rifiuti, nonché fenomeni delittuosi contro il patrimonio. Una bomba ecologica che la Commissione Straordinaria prefettizia che guida il comune di Partinico dopo lo scioglimento per infiltrazioni mafiose di tutte le cariche elettive, sta tentando di disinnescare, avendo dato impulso alle opportune verifiche che hanno portato i primi risultati investigativi e, alla contestuale bonifica dei siti invasi dai rifiuti. L’operazione ha visto l’impiego di circa 40 militari.  Due delle persone deferite all’autorità giudiziaria, un 74enne e un 65enne, già conosciuti dalle forze dell’ordine,  avrebbero gestito l’area di stoccaggio illecita scoperta a ridosso delle case popolari. In barba alle leggi in vigore e in assenza di qualsivoglia autorizzazione, i due avrebbero occupato un’area di circa 1000 metri quadri per stoccarvi materiale ferroso, carcasse  di autovetture ed altri rifiuti per un peso complessivo di circa 50 tonnellate. L’area interessata è stata sequestrata insieme all’enorme quantitativo di rifiuti che sono stati già rimossi dalla ditta che gestisce il servizio di raccolta nella città di Partinico. Nel corso dei controlli i carabinieri hanno effettuato verifiche anche negli alloggi popolari, denunciando 3 persone, accusate a vario titolo di occupazione abusiva di immobili, furto di energia elettrica e ricettazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy