Papa Francesco nomina Don Gualtiero Isacchi nuovo Arcivescovo di Monreale

Don Gualtiero Isacchi, proveniente dalla diocesi di Albano Laziale, provincia di Roma, sarà il nuovo vescovo di Monreale.

Lo ha ufficializzato oggi, monsignor Michele Pennisi convocando in cattedrale il collegio dei consultori, il consiglio presbiterale, gli officiali e gli impiegati della Curia Arcivescovile, il Segretario del Consiglio Pastorale diocesano e il segretario della Consulta delle aggregazioni laicali.

Pennisi, titolare della diocesi monrealese dall’aprile del 2013, ha letto la lettera di nomina di Papa Francesco.
Don Gualtiero Isacchi è nato a Lecco, in Lombardia il 7 settembre 1970. Attualmente è Vicario Episcopale per la pastorale ed economo della diocesi di Albano Laziale.

“Avrò bisogno di tempo per conoscere e imparare – sono state queste alcune delle parole della lunga lettera inviata dal nuovo vescovo, letta da Pennisi nel corso dell’adunanza – intendo farlo ponendomi in ascolto dell’intera comunità. So di venire in una chiesa bella, il cui luogo considerato il tempio più bello del mondo non è che riflesso. La vera bellezza di Monreale non è quella che proviene dalle tessere di mosaico, ma quella trasmessa dagli uomini e dalle donne che si lasciano trasformare dal Vangelo. Nell’attesa di incontrarvi, rendo grazie per voi incontrandovi nelle mie preghiere e mi affido alla vostra preghiera”.

Monsignor Pennisi rimarrà amministratore pastorale, nell’attesa che il nuovo vescovo possa insediarsi.

“Accogliamo monsignor Isacchi con grande gioia e gratitudine – ha detto Pennisi – Oggi è un giorno di grande festa, perché continua la successione apostolica della nostra diocesi. Appena possibile farò conoscere le date e la modalità della sua ordinazione episcopale. Probabilmente a partire dalla seconda metà di luglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy