Cinisi, in fiamme chiosco fiori al cimitero comunale: incendio doloso (Video)

Attentato incendiario ai danni di uno dei due chioschi presenti nello spiazzale del cimitero comunale di Cinisi in cui vengono venduti i fiori. Ignoti, nella sera tra mercoledì e giovedì, hanno scavalcato la recinzione per introdursi nella necropoli cittadina dove hanno prima cosparso di liquido infiammabile la struttura prefabbricata in legno per poi appiccare il fuoco. Pare che i residenti della zona abbiano sentito un grosso boato intorno a mezzanotte. Non è escluso quindi che i malviventi abbiano innescato l’esplosione per assicurarsi di colpire anche l’interno del chiosco che è andato completamente distrutto, così come le piante, i fiori ed altro materiale utilizzato dal fioraio per la vendita degli stessi che vi erano custoditi all’interno. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento volontario di Carini che hanno impegnato diverso tempo per riuscire a domare le alte lingue di fuoco sprigionate dalla struttura lignea in cui sono state rinvenute evidenti tracce di benzina. Accertata dunque la matrice dolosa del rogo su cui indagano i carabinieri della locale stazione in tandem con i colleghi della vicina Terrasini. Già perché l’attentato incendiario di Cinisi segue un episodio analogo avvenuto poco tempo prima nella necropoli della cittadina confinante ed entrambi i chioschi andati a fuoco sono gestiti dallo stesso fioraio A.P. di Terrasini. L’uomo sentito nuovamente dai militari continua ad affermare di non avere mai ricevuto minacce di alcun tipo, ne di aspettarsi di poter ricevere del male da qualcuno, ma per gli investigatori i due episodi sono correlati ed è ovvio che si tratta di intimidazioni mirate a destabilizzare la sua persona e la sua attività commerciale. I carabinieri di Cinisi indagano a 360 gradi, dalla sfera professionale dell’uomo a quella privata. Per andare a fondo alla vicenda e cercare di individuare gli autori del raid incendiario, i carabinieri hanno anche  recuperato le registrazioni di alcune spycam private presenti in zona. Le immagini estrapolate verranno accuratamente analizzate per riuscire a dare un volto agli attentatori che potrebbero avere le ore contate. Sulla vicenda interviene il Consigliere Comunale di opposizione Pino Manzella preoccupato per questa scia violenta che sta interessando il territorio di Cinisi.

play-sharp-fill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy