Capaci, il comune aderisce al progetto europeo Inclucities (Video) – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

Capaci, il comune aderisce al progetto europeo Inclucities (Video)

Il Comune di Capaci rappresenta l’Italia nel progetto “IncluCities. Costruire città inclusive con i migranti”. Il progetto, guidato dal CCRE e finanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (AMIF) dell’Unione Europea, mira a migliorare l’integrazione dei cittadini di paesi terzi nelle città di medie dimensioni attraverso la cooperazione da città a città. Per migliorare le politiche di integrazione, il progetto favorisce lo scambio di conoscenze tra 4 città mentori e 4 città allieve. Il Comune di Capaci è guidato dalla città belga di Mechelen, divenuta un riferimento per una città inclusiva e diversificata grazie a programmi di formazione del lavoro sociale e pari opportunità per l’istruzione: nella città di Mechelen convivono 136 nazionalità e si parlano 69 lingue diverse. Al pari di Mechelen, Capaci e tutto il comprensorio vogliono diventare una terra in cui tutti possano crescere e lavorare, nonché un esempio di buone pratiche di integrazione per altre città della regione e del paese. Il tema dello scambio con Mechelen è “come costruire una visione di città per tutti?”. Fattore chiave è quindi sviluppare e incorporare un’identità civica, una cultura e una strategia che celebri e sfrutti la diversità come punto di forza. Il 4 e il 5 ottobre si terrà la seconda visita di studio. I rappresentanti dell’associazione belga vvsg, il Comune di Mechelen, il responsabile del progetto CEMR e l’AICCRE visiteranno Capaci, dove i referenti comunali li accoglieranno insieme agli altri partners del progetto, fra i quali le scuole e numerose associazioni attive sul territorio.  “Rappresentare l’Italia in questo progetto è un onore per Capaci e un’opportunità per costruire una città inclusiva, sicura e multiculturale. Questa è una sfida che raccoglieremo con tutte le nostre energie” dichiara il Sindaco di Capaci e portavoce per le migrazioni del CEMR Pietro Puccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.