Capaci, sospeso un funzionario comunale che non si sarebbe opposto ad un pignoramento

E’ stato sospeso dal servizio per tre mesi e 10 giorni un funzionario del Comune di Capaci. Si tratta di un dipendente a tempo parziale determinato, inquadrato in categoria C che, secondo il provvedimento disciplinare disposto nei suoi confronti dal segretario generale Cristofaro Ricupati, avrebbe prodotto all’ente locale un danno economico pari ad 850 mila euro. Somme che il comune di Capaci ha dovuto sborsare ad un vecchio ente gestore del servizio di raccolta dei rifiuti, con cui vi era in corso una controversia. Secondo l’ufficio competente, all’epoca, l’allora responsabile dell’Area 3 non avrebbe  seguito  l’iter relativo all’atto di pignoramento presentato dalla ditta dei rifiuti nei confronti del Comune. In pratica avrebbe non si sarebbe opposto e  di conseguenza il pignoramento è divenuto esecutivo. Al funzionario viene anche contestato il fatto di non avere  collaborato con i colleghi dell’ufficio che  successivamente hanno assorbito il compito della gestione ambientale e di aver disposto liquidazioni pari a 105 mila euro in favore sempre della stessa ditta con cui l’ente locale era in contenzioso per un accordo verbale  mai sottoscritto. Il dipendente, ascoltato in audizione dall’ufficio procedimenti disciplinari, ha respinto, tramite il suo avvocato Massimiliano Ranelli, tutte le accuse, sostenendo di non essersi mai occupato della pratica in questione poiché ad affrontarla sarebbe stato esclusivamente il sindaco pro tempore  Sebastiano Napoli.  Il legale ha inoltre contestato il procedimento emanato nei confronti del proprio assistito, ritenendolo viziato per mancata tempestività e la testimonianza di una dipendente comunale che avrebbe asserito, al contrario di Virga, che il collega avrebbe avuto un incontro, tempo fa,  con la ditta dei rifiuti  proprio su questo contenzioso. Il Segretario comunale, però ha ritenuto insufficienti e non provate le dichiarazioni del funzionario, confermando le contestazioni e gli addebiti a suo carico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy