Il governo regionale approva le ultime proposte avanzate da Sebastiano Tusa

La giunta regionale si è riunita stamane a Palazzo d’Orleans per la prima volta dopo la tragica scomparsa dell’assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa, avvenuta nell’incidente aereo di domenica scorsa in Etiopia. In apertura della seduta – presieduta dal vicepresidente Gaetano Armao, vista l’assenza del presidente Nello Musumeci, ancora convalescente dopo un piccolo intervento chirurgico – l’archeologo è stato ricordato con un minuto di silenzio: al posto che l’assessore normalmente occupava nella sala giunta, un mazzo di fiori. Quindi il governo regionale ha deciso di approvare proprio le ultime proposte avanzate da Tusa nelle scorse settimane.
Con la prima delibera è stato deciso di finanziare – con cinque milioni di euro del Patto per il Sud – sei interventi di risanamento e valorizzazione di alcuni edifici dell’Isola. In particolare, circa 2,6 milioni di euro verranno utilizzati per il Castello di Maredolce a Palermo (restauro dell’edificio del Complesso, realizzazione di una piazza nell’area antistante e sistemazione del Parco). Gli altri 2,4 milioni di euro sono destinati per il completamento del rifacimento e la manutenzione straordinaria delle coperture, il restauro delle superficie decorate e il trattamento dei soffitti del Duomo di Monreale. Il governo Musumeci ha dato il via libera anche a due disegni di legge proposti in precedenza da Tusa che modificano la precedente normativa sul ‘Consiglio regionale per i Beni culturali e paesaggistici’ (Legge 80/1977) e sulla ‘Istituzione del sistema dei Parchi archeologici in Sicilia’ (Legge 20/2000). Intanto, le scatole nere del Boeing 737 Max 8 della Ethiopian Airlines precipitato domenica scorsa ad Addis Abeba sono state inviate a Parigi per essere analizzate e, Donald Trump ha annunciato che fermerà i voli del Boeing 737 Max 8 e 9 dopo l’incidente in Etiopia. La messa a terra dell’intera flotta è stata annunciata dalla Boeing. Quanto alle vittime, ci vorranno ancora almeno cinque giorni per la loro identificazione, ha reso noto la compagnia di bandiera etiope. L’impatto al suolo dell’aereo è stato devastante, praticamente disintegrandolo, quindi il recupero dei corpi sta procedendo con grande lentezza e fatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy