Concluso il seminario del Rotary Club su “La maleducazione nel mondo dei ragazzi di oggi”

Grande attenzione di pubblico, studenti e docenti, operatori del settore e soci, presso la Sede del Rotary, in Piazza Madonna delle Grazie, per il seminario di studi, voluto dal Rotary Club di Castellammare del Golfo Segesta Terre degli Elimi, presieduto da Clelia Anania, su “La maleducazione: un viaggio nel mondo dei ragazzi d’oggi, tra dissidi, incomprensioni e disvalori”.
Relatore la professoressa Maria Macrì Aiello, Ordinario di Italiano presso l’ITC Girolamo Caruso di Alcamo ed esperta in problematiche giovanili. La professoressa Macrì si servirà, per esplicare meglio alcuni fondamenti epistemologici del fenomeno, di films e famose canzoni, che accompagneranno i partecipanti in questo singolare e variegato mondo dei giovani.
Il caminetto è stato preceduto dagli interventi dei presidenti due clubs giovanili del Rotary, Salvatore Ippati, per il Rotaract, e Federica Savallo, per l’Interact, che, nei loro rispettivi interventi, oltre a ringraziare il Rotary per l’attenzione, avuta quest’anno, ai due clubs, hanno manifestato il loro interesse per un tema tanto rilevante e tanto importante.
Presente, tra gli altri, l’avvocato Salvatore Martinico, con Adriana, Istruttore d’Area per il Club.
“Il caminetto è stato un tentativo di interpretazione della realtà giovanile attuale, tra maleducazione e maladolescenza, costruito utilizzando i temi cari agli studenti e, complessivamente, ai giovani. Esso nasce dalla volontà di far conoscere e dare una visione non superficiale degli adolescenti, e al contempo non trincerarsi dietro ipocrisie e “non so” che poco bene fanno alla trattazione organica del fenomeno giovanile e del loro approccio al fenomeno educazione, assai lontano dagli schemi a cui, in molti, nel passato, erano abituati” ha commentato il Presidente del Club Clelia Anania analizzando, solo per cenni, il tema oggetto di intervento.
La professoressa Macrì è riuscita a centrare pienamente il motivo del suo intervento scuotendo le coscienze, dei giovani e dei docenti e genitori, e rovesciando, talvolta mettendo in crisi, con piena consapevolezza scientifica delle sue argomentazioni, credenze e luoghi comuni.
Il suo linguaggio perfettamente ancorato alle nomenclature delle discipline che hanno posto la loro attenzione al fenomeno, pregno di metafore e di interessanti spunti per approfondimenti e riflessioni, è riuscito a penetrare, le coscienze di quanti hanno spesso utilizzato frasi fatte per spiegare mode e modi che avrebbero dovuto trovare altre analisi ed altri interventi.
La prof.ssa Macrì riuscendo, magistralmente, ad edulcorare le facili conclusioni da altrettanto facili, talvolta, scontati, interventi, servendosi di alcuni fotogrammi di famosissime pellicole e note di altrettanto famose canzone, ha posto interrogativi e dato risposte.
Ai partecipanti, studenti e docenti, è stato rilasciato un attestato, utilizzabile per credito formativo.
Alla professoressa Maria Macrì Aiello è stato consegnato, dalla presidente del Club Clelia Anania, uno splendido bracciale in perle, come segno tangibile di apprezzamento ed ammirazione.
È seguita una Apericena con prodotti tipici siciliani e della nostra terra realizzati dalle abili mani della pasticcera e scrittrice Enza Pizzolato di Alcamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy