CIANCIMINO JR: “SONO MOLTO STANCO” – Tele Occidente

Tele Occidente

SITO IN MANUTENZIONE

CIANCIMINO JR: “SONO MOLTO STANCO”

“Non so se mi va più di continuare. Sono molto stanco. Anche per questo, oggi, sono qui davanti ai magistrati”. L’ha detto Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo, Vito, prima del nuovo interrogatorio che sta per rendere davanti ai pm di Palermo e Caltanissetta.

A giustificazione del suo sfogo Ciancimino, che sta raccontando ai magistrati della cosiddetta trattativa tra Stato e mafia, ha raccontato un episodio che ha definito “preoccupante”. “Ieri sera – ha detto – alla vigilia delle importanti dichiarazioni che dovrò rendere sui carabinieri del Ros, la mia scorta, mentre mi riaccompagnava nella mia casa di Bologna, insospettita dalla presenza di due persone, davanti al palazzo, ha deciso di fare un controllo. Si trattava di due carabinieri del Ros, armati, che hanno dichiarato di essere lì per indagini”.

“La scorta – ha proseguito – li ha identificati e ha fatto una relazione di servizio che ha trasmesso alle procure di Palermo e Caltanissetta”. Ciancimino nel raccontare della trattativa ha parlato del ruolo svolto dagli ufficiali del Ros Mario Mori e Giuseppe De Donno, intermediari – a suo dire – tra le istituzioni e Don Vito Ciancimino che agiva per conto dei corleonesi, nella cosiddetta trattativa.

Annuncia nuove dichiarazioni sui carabinieri del Ros e sostiene di avere nuovi documenti da consegnare ai magistrati, di più, però, Massimo Ciancimino, convocato dai pm di Palermo e Caltanissetta per l’ennesimo interrogatorio, non vuole dire.

Ai giornalisti che gli chiedevano commenti sulle dichiarazioni dell’ex presidente dell’Antimafia Luciano Violante che ha definito il papello consegnato da Ciancimino ai magistrati una “bufala”, il figlio dell’ex sindaco ha risposto: “Non voglio entrare nel merito, i magistrati sanno valutare. Certo è singolare che c’è gente che ritrova la memoria dopo 17 anni”. Il dichiarante si riferisce al fatto che Violante, solo quest’anno, ha ricordato che Vito Ciancimino gli chiese un incontro, nel ’92, attraverso l’allora colonnello del Ros Mario Mori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.