PIANA DEGLI ALBANESI. UOMO RESTA UCCISO DA UN COLPO DI FUCILE MENTRE TENTA DI FORZARE L’INGRESSO DI UNA CASA RURALE PER RUBARE.

Il timore di essere derubato l’avrebbe spinto a preparare una vera e propria trappola: un fucile calibro 12 col grilletto collegato, tramite un filo, alla porta d’ingresso della sua masseria. Un congegno, quello ideato dal proprietario di una casa rurale del palermitano, costato la vita a un uomo di 31 anni, Luigi D’Aniello, freddato da un colpo partito dall’arma, mentre cercava di introdursi nella casa.

È bastata una leggera pressione della porta per azionare il fucile: il ladro è stato colpito in pieno al torace ed è morto sul colpo.I carabinieri di Monreale, che indagano sul delitto, avvenuto ieri sera nella campagne di Piana degli Albanesi (Palermo), avrebbero identificato il proprietario della masseria, un agricoltore, e lo starebbero interrogando.

In caserma si trovano anche i due uomini che erano con D’Aniello ieri sera. Due complici della vittima, secondo gli inquirenti. A loro è andata meglio: mentre D’Aniello cercava di forzare la porta a cui era stato applicato il congegno, all’ingresso della casa, gli amici tentavano di introdursi dal retro. Sentito lo sparo i due sono corsi dalla vittima e l’hanno trovata riversa a terra.

Poi sono andati dai carabinieri a raccontare quanto era accaduto. Trattenuti per essere interrogati, rischiano il fermo per furto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Hide picture Privacy Policy