13 Giugno 2021

Carini e Capaci, rifiuti: tra controlli, multe e differenziata in crescita

2 min read
Diffondi la notizia

A Carini scatta di nuovo l’operazione “Pulizia dei luoghi dell’abbandono” con le immancabili multe al seguito mentre a Capaci si esulta per i risultati di questo primo quadrimestre dell’anno che hanno visto schizzare in su la quota della raccolta differenziata. Due facce della stessa medaglia in due territori continui che continuano a vivere i rifiuti come un problema e per cui si sta provando a superare la perenne emergenza legata alle ataviche disfunzioni dell’impiantistica in Sicilia per lo smaltimento ma anche per l’inciviltà della gente. A Carini purtroppo questo fenomeno è davvero duro a morire e ne è testimonianza il nuovo controllo del territorio portato avanti dalla polizia municipale affiancata dagli operatori addetti alla raccolta dei rifiuti. Oggi particolare attenzione è stata rivolta ai condomini ed agli esercizi commerciali che non procedono ancora ad una corretta differenziazione dei rifiuti. Nel corso dei sopralluoghi sono stati cinque i verbalizzati, con una multa di 167 euro, se pagata entro 60 giorni, per violazione dell’ordinanza sindacale in merito. L’abbandono illecito dei rifiuti è un fenomeno da tempo fronteggiato a Carini dai caschi bianchi durante i periodici controlli e monitorato con il sistema di videosorveglianza in uso alla centrale operativa. L’amministrazione comunale ha disposto, d’intesa con la polizia municipale e il personale della Senesi che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti, uno speciale servizio di controllo per fronteggiare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti che aggrava notevolmente i costi a carico delle casse comunali. Il servizio proseguirà nei prossimi giorni, su tutto il territorio, dal centro storico a Piano Agliastrelli, sino a Villagrazia di Carini e vedrà anche impegnato, autonomamente, personale in borghese a bordo di autopattuglie civetta. “Spiace dover ricorrere alle sanzioni – commenta il sindaco Giovì Monteleone – ma lo facciamo a beneficio della cittadinanza tutta che, oltre ai problemi igienico-sanitari, deve far fronte a costi ormai divenuti insostenibili. Confido nel senso di responsabilità e invito tutti a mettersi in regola nel fruire del servizio di raccolta ‘porta a porta’, peraltro ormai in vigore da tanti anni”. Nella vicina Capaci invece c’è soddisfazione per avere raggiunto in questi primi 4 mesi dell’anno il 65,68 per cento di raccolta differenziata. “Un risultato già ragguardevole in termini assoluti, – afferma il sindaco Pietro Puccio – ma eccezionale se si rapporta alla situazione ed alle percentuali ereditate. Tale traguardo ci soddisfa ma non ci appaga, perché coltiviamo l’ambizione di poter fare ancora meglio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.