18 Ottobre 2021

Prelievo multiorgano su donna di 70 anni all’ospedale Ingrassia

1 min read
Diffondi la notizia

A distanza di dieci giorni dall’ultimo intervento, un nuovo prelievo multiorgano è stato eseguito all’Ospedale Ingrassia di Palermo. La decisione dei familiari di una “generosa” donna di 70 anni, in morte encefalica, deceduta per emorragia cerebrale inoperabile, ha messo in moto, nell’Unità Operativa Complessa di Anestesia e Rianimazione del nosocomio di Corso Calatafimi, l’organizzazione dedicata.
Dopo il periodo di osservazione obbligatorio per legge da parte del Collegio medico -costituito dal Direttore sanitario, Antonino Di Benedetto, dal coordinatore locale prelievi d’organo dell’Asp di Palermo, Calogero Bellia, dal fisiopatologo Luca Maria Vicari con la collaborazione del Tecnico di Elettroencefalografia, Barbara Rizzo – ha avuto inizio l’intervento.
In sala operatoria era presente l’equipe prelevatrice dell’ISMETT, coadiuvata dagli anestesisti-rianimatori Giuseppe Risalvato e Gabriella La Rocca, dall’infermiere di sala, Calogero Falzone, e dall’operatore sociosanitario, Francesco Chiazzese. Sono stati prelevati fegato, reni e cornee che ridaranno vita e qualità di vita a pazienti siciliani in attesa di trapianto.
“La generosità della donna, più volte testimoniata dai congiunti – ha sottolineato il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni – dimostra quanto la cultura della donazione stia diventando sempre più parte integrante del nostro modo di essere. La scelta di donare gli organi è un grande gesto di amore che regala speranza. Un sentito ringraziamento va al personale dell’Ospedale Ingrassia impegnato nel prelievo che ha dimostrato, ancora una volta, sensibilità, professionalità e spirito di integrazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.