18 Ottobre 2021

Carini, il Ministero della Salute approva il progetto “Ismett 2”

2 min read
Diffondi la notizia

“L’Ismett 2 di Carini, previsto nella programmazione del governo Musumeci, sarà finanziato”.

Si è conclusa, infatti, la lunga istruttoria del Nucleo investimenti del Ministero della Salute, cui ha fornito un contributo determinante l’Assessorato regionale della Salute con il dipartimento della Pianificazione strategica.

Il finanziamento di questa importante opera è dunque definitivamente approvato.
Per il nuovo ospedale di Upmc-Ismett a Carini verranno finanziati 160 milioni di euro, mentre il progetto definitivo sarà pronto entro l’anno, in modo che potranno essere bandite le gare di esecuzione.

“Esprimo grande soddisfazione per l’importante risultato ottenuto dal Presidente Musumeci e dall’Assessorato regionale della Salute – afferma il Carinese Luca Tantino – che fa parte della Direzione Regionale del movimento #diventera’bellissima – il cosiddetto ISMETT 2 che giaceva da troppo tempo nei cassetti, si inserisce oggi nel più articolato piano di infrastrutturazione ospedaliera portato avanti dal Governo regionale. Se da siciliano, quindi, posso dichiararmi ampiamente soddisfatto – prosegue Tantino – da cittadino carinese, invece, esprimo l’orgoglio di assistere dopo decenni di dimenticanza, all’inserimento del vasto hinterland del mio territorio tra le priorità della politica regionale.
La forte accelerazione per i cantieri del RIMED e la copertura finanziaria ottenuta per l’ISMETT 2, hanno già iniziato a cambiare il volto di una Comunità civica per troppo tempo abituata a una politica chiacchierona e autoreferenziale, che ha utilizzato questo territorio come semplice granaio di voti. Il Governo regionale a guida Musumeci, lavorando in un silenzio operativo, ci dimostra invece – conclude Luca Tantino – che non tutta la politica è uguale a se stessa e che il rilancio dei territori passa attraverso la creazione di opportunità concrete in esatta antitesi alla cultura delle clientele e delle finte promesse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.