Carini, in condizioni disperate dopo incidente: salvato all’ospedale di Partinico

Diffondi la notizia

 Aveva 2,5 litri di sangue nello stomaco a causa di lacerazioni epatica e, in più punti, intestinale. Dopo gli esami clinici e radiologici, è stato subito operato all’Ospedale di Partinico, struttura dedicata alla cura ed assistenza dei pazienti covid-positivi, ma che garantisce, attraverso il Pronto Soccorso,  l’emergenza-urgenza anche per tutti gli altri casi. Il paziente, un uomo di 36 anni di Carini, trasportato in codice rosso dal 118, era stato coinvolto in un incidente stradale. Era sbalzato dalla sella di una moto di grossa cilindrata e si era andato a schiantare contro un furgone sulla statale 113,  nel tratto che conduce allo svincolo di Partinico.  Gli operatori dell’ambulanza del 118 lo hanno trovato in condizioni disperate, decidendo di portarlo nel vicino nosocomio dove è arrivato in codice rosso. Dopo i tamponi antigenico e molecolare, gli esami diagnostici hanno indotto 9 i medici ad effettuare ad un intervento chirurgico in emergenza per emoperitoneo (versamento di sangue nella cavità peritoneale). Sono stati immediatamente allertati i chirurghi reperibili che sono interventi con tempestività. L’equipe, coordinata dal Primario Francesco Sciortino, era composta dai chirurghi Domenico Capizzi e Domenico Schifano, dall’anestesista-rianimatore, Giuseppe Giacopelli, e dagli infermieri Nicola Galati e Francesca Cannavò. L’intervento è perfettamente riuscito. Il paziente, dopo essere stato stabilizzato, è stato poi trasferito per il decorso post-operatorio in un reparto di rianimazione di una struttura ospedaliera no-covid del capoluogo siciliano. “L’organizzazione dell’Ospedale di Partinico ha risposto con tempestività e con la riconosciuta professionalità ad una situazione di emergenza – ha sottolineato il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni – la struttura, dedicata per la degenza ai pazienti covid positivi, ha garantito, così come previsto dai protocolli interni stabiliti dalla direzione strategica, tutta l’assistenza necessaria in condizioni di emergenza ad un paziente negativo al coronavirus. Siamo grati all’intera equipe ed a tutta la struttura per l’intervento effettuato in condizioni di sicurezza e nei tempi rapidi dettati dall’emergenza del caso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.