Brooklyn,NY, si è spento l’imprenditore partinicese Giulio La Tona, aveva 71 anni (Video)

Diffondi la notizia

Si è spento a Brookyn, New York, il partinicese Giulio La Tona, titolare della Partinico Construction che abbiamo visitato nell’ultima edizione di Saluti dall’America.

Nato il 5 Febbraio del 1949,  Giulio La Tona era una persona intraprendete e molto creativa.

Cresciuto a Partinico in una famiglia per bene di cui è stato ultimogenito, all’età di 19 anni si arruolò nella Guardia di Finanza in cui rimase in servizio per 6 anni.

Appassionato di arte e cultura e dotato di grande manualità, a 25 anni decise di dare una svolta alla sua vita, lasciando le fiamme gialle e partendo alla scoperta dell’America di cui rimase affascinato al punto di restarci a vivere e dove con sacrificio e determinazione trovò la sua fortuna. Sposò una siciliana da cui ebbe i figli Gianni Battista e Margaret e mise su un’azienda, la Partinico Construction appunto, dedita alla lavorazione artigianale di vetro, legno, pietra ed altri materiali che riusciva ad intagliare e scolpire con le sue stesse mani, realizzando lavori esclusivi in meravigliose residenze private.   

Rispettato dalla comunità italiana di Brooklyn per la sua professione e per la sua ineguagliabile bontà, era sempre pronto a dare lavoro a chiunque arrivasse dalla Sicilia. Coltivava numerose amicizie anche con diversi esponenti del Club dei Carinesi d’America, come l’ex Presidente del sodalizio Gianni Gallina e Vincenzo Troia; fu proprio quest’ultimo ad accompagnarci nella sua azienda lo scorso mese di novembre per farci raccontare il suo sogno americano e, ancora, con il borgettano Joe Vicari con cui spesso partecipava a bordo delle rispettive auto Ferrari al Columbus Day Parade.

Lo show room della sua attività commerciale era pieno di foto del paese natìo, in cui tornava anche più volte all’anno finchè sua mamma era viva ed ogni estate, fino allo scorso anno, per far visita alle sorelle Enza e Lina, ai nipoti e ai tanti amici di infanzia e adolescenza. Nonostante la distanza e gli anni trascorsi, sapeva mantenere solidi i rapporti anche con i suoi ex commilitoni con cui si radunava spesso.  

 Il suo legame con il paese di Partinico era fortissimo e desiderava, un giorno, durante il pensionamento, di poterlo vivere più intensamente per far qualcosa per la sua città. Purtroppo è stato stroncato da un male incurabile che non gli ha permesso di realizzare l’ultimo suo sogno di vita. 

La morte di Giulio La Tona lascia nei cuori di chiunque lo abbia conosciuto un ricordo davvero indelebile. Alla sua famiglia le condoglianze di Tele Occidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.