Emergenza coronavirus, positiva dipendente Gh all’aeroporto e nuovo caso a Corleone

Diffondi la notizia

Una dipendente della Gh, società che gestisce i servizi Handling all’aeroporto Falcone Borsellino e risultata positiva al covid-19. La comunicazione alla società è arrivata ieri pomeriggio. “La dipendente era assente dal lavoro dal 29 agosto – afferma il presidente di Gh Fabio Gaimbrone – Ho dato disposizioni di seguire il protocollo interno e di sanificare i locali. In base ai turni di lavoro ai colleghi che sono stati a contatto con la lavoratrice saranno sottoposti al test sierologico. Poi alla luce dei risultati vedremo se sarà necessario eseguire altri controlli. Il servizio nello scalo di Punta Raisi prosegue regolarmente”. Un altro  nuovo caso di coronavirus è stato invece registrato a Corleone.   Il soggetto si trova in isolamento presso il proprio domicilio e sono state attivate tutte le procedure da parte dell’Asp per risalire ai contatti degli ultimi giorni. La situazione è monitorata con attenzione e qualunque comunicazione necessaria sarà fornita attraverso i canali istituzionali del Comune di Corleone. Il sindaco Nicolò Nicolosi, attraverso il profilo facebook istituzionale, raccomanda i cittadini all’uso della mascherina nei luoghi chiusi e in quelli aperti in cui non sia possibile mantenere la distanza di un metro; di igienizzare spesso le mani; di evitare assembramenti”.  Intanto continua a preoccupare il numero di contagi in Sicilia ed in particolare nelle aree del  partinicese e del trapanese. Ecco perchè l’assessorato regionale alla Sanità ha varato un piano di emergenza in caso si dovesse arrivare anche ad un’impennata di ricoveri. L’ospedale Civico di Partinico è tra quelli che già sono stati riconvertiti in Covid-hospital nel periodo del lockdown e per questo rientra nel piano regionale. Secondo quanto stabilito, nel caso in cui si dovesse verificare il riempimento dei 48 posti disponibili a Palermo tra Ismett e Civico, il nosocomio  di Partinico verrebbe automaticamente riutilizzato con la riattivazione dei 24 posti disponibili di terapia intensiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.