Carini, i carabinieri scoprono due piantagioni di canapa indiana

Diffondi la notizia

Due piantagioni di cannabis indica sono state scoperte in due diversi appezzamenti di terreno in stato di abbandono, nel territorio comunale di Carini, dai carabinieri della locale stazione.

I militari, coadiuvati dai colleghi della sezione operativa che hanno sorvolato le aree anche con un elicottero, hanno sequestrato dapprima 150 piante in via Moscala, dove gli arbusti erano già con rigoglioso fogliame ed alte circa 2 metri.

La coltivazione era dotata anche di un sistema di irrigazione.

Nel secondo caso, gli investigatori hanno sequestrato 50 piante di marijuana alte circa 4 metri su un’area di via Cosenza. Anche qui era stato predisposto un efficace servizio di irrigazione. L’intervento dei carabinieri ha impedito agli ignoti coltivatori delle due diverse piantagioni di poter procedere al raccolto e alla successiva essiccazione della canapa indiana che, se immessa nel mercato delle sostanze stupefacenti, avrebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di euro.

In entrambi i casi la canapa indiana è stata già estirpata. Prelevati i campioni da inviare al laboratorio analisi scientifiche del comando provinciale dei carabinieri che ne determinerà la qualità, tutte le piante sono state distrutte.

Proseguono le indagini dei militari per risalire ai coltivatori delle due piantagioni.

(FOTO DI REPERTORIO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.