Capaci, il comune aderisce alle celebrazioni del 75° anniversario della carta ONU

Diffondi la notizia

Con un atto deliberativo ed un ordine del giorno, il comune di Capaci aderisce alle celebrazioni del 75° anniversario dell’approvazione della Carta delle Nazioni Unite in programma domani.  75 anni fa un gruppo di politici di diversi paesi scrisse una Carta nuova, con un linguaggio nuovo. Avevano visto la guerra, il nazismo, il fascismo e si riunirono per “salvare le future generazioni dal flagello della guerra. E si impegnarono a “promuovere il progresso sociale ed un più elevato tenore di vita in una più ampia libertà”. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Pietro Puccio, di fronte ai devastanti costi umani, economici e sociali che la pandemia Covid-19 sta provocando nel nostro paese, in Europa e nel mondo, sente il bisogno di riaffermare il proprio sostegno ai valori, ai principi e agli obiettivi enunciati nella Carta delle Nazioni Unite. “Il continuo indebolimento dell’Onu e delle istituzioni internazionali democratiche insieme alla crisi del dialogo e della cooperazione internazionale- si legge nell’ordine del giorno –  ci espone a pericoli troppo grandi per essere ignorati o gestiti solo a livello nazionale”. Per tali ragioni, nel documento, il comune di Capaci chiede al Governo e al Parlamento italiano, alla Commissione e al Parlamento europeo  di sostenere l’impegno dell’Onu per raggiungere il cessate-il-fuoco-globale, a partire dal Mediterraneo e dal Medio Oriente anche contrastando i traffici delle armi,  di riunire ad Assisi i paesi, le istituzioni e le organizzazioni della società civile disponibili a investire sull’Onu e promuovere la convocazione di una “Convenzione Universale per il potenziamento e la democratizzazione dell’Onu” in modo che sia messa in grado di raggiungere il principale obiettivo per cui è stata creata (salvare le future generazioni dal flagello della guerra), di
fronteggiare efficacemente le grandi sfide globali che incombono (cambiamento climatico, pandemie, disuguaglianze, migrazioni,…) e di proteggere le persone e le popolazioni indifese e di soccorre le vittime,  di promuovere l’istituzione dell’Assemblea Parlamentare delle Nazioni Unite e, il trasferimento della sede principale dell’Onu a Gerusalemme facendo di questa città la capitale della pace e della riconciliazione, la capitale di due popoli e due Stati aperta a tutte le religioni e le nazioni del mondo. Contestualmente, il comune di Capaci ha deciso di aderire alla Marcia Perugia-Assisi della Pace e della Fraternità in programma il prossimo 11 ottobre e  di contribuire alle attività nazionali di organizzazione, promozione e coordinamento versando 500€ al coordinamento nazionali degli enti locali per la pace. Inoltre, per il prossimo anno scolastico, l’ente locale promuoverà un programma di Educazione Civica che includa la promozione tra le giovani generazioni dei valori costituzionali e universali della pace, della giustizia, della dignità umana, della tolleranza e della solidarietà, lo studio della Lettera Laudato sì di Papa Francesco e dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.