Astoria-New York, proseguono attività solidali per la guarigione del borgettano Leonardo Di Marco (Video)

Diffondi la notizia

È diventata una missione per Josephine Di Marco aiutare il prossimo grazie anche alla generosità di amici, parenti e borgettani d’America che confidano nel suo impegno sociale avviato come fioretto per chiedere la grazia a San Giuseppe e alla Madonna Maria Santissima del Romitello, di guarire il marito, Leonardo Di Marco che, da due anni conduce la sua battaglia contro il cancro. Diverse tv nazionali americane hanno dedicato loro dei servizi ed in particolare alle iniziative di solidarietà  che Josephine, insieme al marito e al figlio Francesco, riservano ormai da mesi per gli eroi in corsia di alcuni ospedali di  New York, per i bambini di una  scuola di Corona e, negli ultimi giorni, anche per piccoli ammalati di cancro, come Rocco figlio di una coppia di origine torrettese, a cui porta cibo, giocattoli e supporto morale, nel reparto pediatrico del Memorial Sloan Kettering Cancer Center. Attorno al piccolo Rocco si è creata una vera e propria campagna di preghiera e supporto social, tanto da spingere la polizia di New York a dedicargli una piccola parata davanti casa. Nel cuore di Josephine tanta umanità e grande speranza  di ottenere la guarigione di  Leonardo che, proprio in questi giorni, ha compiuto 45 anni. In pieno lockdown, Josephine si è limitata a festeggiarglielo in famiglia, con i genitori Vincenzo e Maria Tola, rispettivamente originari di Partinico e Borgetto e con la famiglia del fratello Charles. Ma altri amici e parenti non hanno dimenticato la ricorrenza e, come ormai gli americani hanno sperimentato durante il lockdown per non trasgredire l’obbligatorio distanziamento sociale, hanno organizzato in suo onore una sorta di parata, passando davanti la sua casa di Astoria a bordo di auto festanti per augurare buon compleanno a Leonardo che, con  visibile emozione ha accolto la sorpresa. Leonardo di Marco è di origine borgettana e da circa 20 anni vive in America dove si è trasferito per amore di Josephine. Condurre la battaglia contro il cancro in tempi di coronavirus ha un po’ complicato le cose, ma l’impegno solidale portato avanti nella sofferenza, allevia dolori e preoccupazioni e riempie i loro cuori di speranza. Forza Leonardo. Anche se lontani, siamo tutti accanto a te con l’auspicio che l’Altissimo possa accogliere le preghiere di tutti e donarti la grazia tanto sperata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.