Castellammare del Golfo, alle 17,58 le campane suoneranno in ricordo delle vittime della strage di Capaci

Raccogliendo l’appello lanciato da alcune associazioni, i parroci di Castellammare del Golfo hanno deciso di suonare contemporaneamente le campane delle loro chiese alle ore 17.58 di oggi, nel momento in cui tutto il paese si fermerà per ricordare la strage di Capaci con le sue vittime di mafia.

Ieri il vescovo Pietro Maria Fragnelli si è recato nella cittadina per la festa di Santa Rita: “Alle nuove generazioni vogliamo consegnare con fiducia l’impegno di far “sorgere comunità solidali” anche nella nostra città, facendo nostra la frase del presidente della Repubblica Sergio Mattarella al festival di Verona. Questo significa impegnarsi a portare un frutto speciale nella vita cittadina: dobbiamo diventare comunità sinodalicapaci di tendere a una lettura condivisa della nostra storia sociale e religiosa. Ogni famiglia deve educare i giovani – e anche gli adulti – a conoscere, rispettare e amare uomini e donne che hanno dato la vita per liberare la nostra terra dai potenti della mafia e dai manipolatori del bene comune, ha affermato il vescovo alla vigilia dell’anniversario di Capaci e del compleanno di Piersanti Mattarella ( 24 maggio 1935 – 6 gennaio 1980) , sepolto nel cimitero di Castellammare del Golfo di cui quest’anno ricorre il 40° dell’assassinio mafioso.

Nel tempo della pandemia, a 40 anni dall’uccisione di Piersanti Mattarella – ha continuato il vescovo –  santa Rita ci esorta alla preghiera e a far rinascere dalla fede la capacità di guardare e vincere le sfide antiumane dei prepotenti del nostro tempo. Ci ispiri anche il realismo profetico di Giorgio La Pira, che non era un “nobile idealista”, ma un “uomo pieno di spirito profetico e di tenace speranza”, un credente “carico di futuro”; difatti “la trasformazione del mondo che lui perseguiva passava attraverso l’invenzione del futuro” (Piersanti Mattarella) 2 . Vivendo questi valori saremo veri testimoni, che educano le nuove generazioni con l’esempio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.