Gio. Mag 28th, 2020

Partinico, l’Asp 6 si impegna a tutelare i lavoratori del Covid Hospital

L’asp 6 mette nero su bianco l’impegno di tutelare i lavoratori del Covid Hospital di Partinico in materia di sicurezza ed ai fini economici, e  assicura che ad emergenza finita di ripristinare il presidio sanitario. Lo ha fatto con una nota inviata alle organizzazioni sindacali sottoscritta e firmata dai direttori amministrativo, sanitario e generale, Nora Virga, Maurizio Montalbano e Daniela Faraoni.  Per il Consigliere Comunale di Partinico Toti Comito, si tratta di “un parziale risultato raggiunto per quei pochi hanno sollevato il problema ed acceso i riflettori. Adesso l’Asp si è impegnata ed ha fatto la propria parte”.  Nel documento, vengono annunciate anche indennità aggiuntive in favore degli operatori  in servizio al Covid Hospita. “Poca roba – sostiene Comito –   rispetto ai sacrifici richiesti e comunque per la situazione che stanno affrontando non ci sono soldi che possano ripagare i rischi. Lo interpretiamo comunque come un segnale di apertura che tuttavia non ci distrae dal continuare a tenere alta l’attenzione e accesi i riflettori. Adesso – prosegue il  Consigliere Comunale di Partinico –  urge la creazione di un pronto soccorso in città prima che sia troppo tardi. Urge il medico a bordo delle ambulanze  di Partinico e  Montelepre,  affinché possano essere assistiti e gestite quelle chiamate al 118 che non necessitano di ospedalizzazione”. In questo momento,  l’ambulanza di Partinico e Montelepre che interviene non può fare altro che portare il paziente al più vicino pronto soccorso. Diventa fondamentale – conclude Comito – dotare questi mezzi di personale medico”. Sulla necessità per il comune di Montelepre di usufruire di un’ambulanza medicalizzata è intervenuto più volte i gruppo consiliari di opposizione locale “Diventerà Bellissima”  e “Misto”, anche attraverso interrogazioni presentate al sindaco Maria Rita Crisci per sensibilizzarla a farsi portavoce dell’esigenza indispensabile per la comunità, nei confronti degli organi competenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.