Asp 6, sindaci del comprensorio delusi, tornano a chiedere consulenza pediatrica h24 ad Alcamo

Diffondi la notizia

 Tornano a chiedere l’istituzione di un servizio di consulenza pediatrica attivo 24 ore al giorno presso il pronto soccorso dell’ospedale “S. Vito e Santo Spirito” di Alcamo, 11 sindaci del comprensorio, delusi dalla volontà manifestata dall’Asp di Palermo di limitarsi a garantire solo un servizio diurno presso strutture sanitarie di Partinico. Secondo il primi cittadini di Trappeto, Giardinello, Balestrate, Montelepre, Borgetto, San Giuseppe Jato, Camporeale, Terrasini, Castellammare del Golfo, Alcamo e Cinisi, paesi che ricadono tra le province di Palermo e Trapani, accogliere la loro richiesta è indispensabile per continuare ad assicurare un adeguato e tempestivo intervento nelle emergenze pediatriche. Già lo scorso 19 marzo, gli stessi amministratori avevano evidenziato alle autorità preposte che: «essendo chiuso il pronto soccorso di Partinico,   tutto il circondario a ovest di Palermo resta privo di una unità operativa in grado di offrire consulenze pediatriche di emergenza» ed avevano chiesto  con estrema urgenza di ampliare la collaborazione con l’ospedale di Alcamo, potenziando l’offerta assistenziale del suo pronto soccorso anche con una presenza pediatrica che possa, con un servizio attivo h24, continuare ad assicurare nel territorio un adeguato e tempestivo intervento.  L’Asp di Palermo, però, ha istituito «un servizio diurno di consulenza pediatrica presso strutture sanitarie di Partinico» ed i sindaci hanno espresso la loro contrarietà per la soluzione, ritenuta «insoddisfacente e non bastevole a garantire un livello di assistenza accettabile per i piccoli pazienti. ”Riteniamo che il semplice svolgimento diurno di una consulenza pediatrica – scrivono in sindaci in una nota – non possa garantire alcuna risposta a situazioni di urgenza o emergenza  – visto che i pazienti che si trovano in tali situazioni si recano, di norma, presso l’ospedale di Alcamo». Nella missiva inviata al governo regionale ed ai dirigenti sanitari dell’Asp di Trapani e Palermo i sindaci affermano che  la risposta adeguata sarebbe, come già da loro richiesto e decisamente ribadito, l’istituzione di un servizio h24 di consulenza pediatrica presso il pronto soccorso dell’ospedale “S. Vito e Santo Spirito” di Alcamo. I firmatari del documento ribadiscono decisamente come non si debba correre il rischio di sminuire la sicurezza e la qualità dell’assistenza per categorie di utenti potenzialmente più fragili come quella dei piccoli pazienti pediatrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.