Mer. Apr 1st, 2020

Carini, il sindaco sbotta contro la Regione su “premialità a comuni virtuosi”

 Cinque milioni di euro per i Comuni siciliani virtuosi in tema di rifiuti solidi urbani, tra questi:   Balestrate,   Camporeale, Chiusa Sclafani, Cinisi, Giardinello,   Montelepre,   San Cipirello, San Giuseppe Jato e Terrasini.  Ma il sindaco di Carini Giovì Monteleone storce il naso di fronte a questa notizia, definendo la classifica regionale “ingiusta e bugiarda”, poiché include solo comuni con una popolazione inferiore ai 15 mila abitanti. “Fermo restando il plauso per i sindaci dei piccoli enti locali che riescono ad essere ricicloni – afferma il sindaco Monteleone –  la classifica pubblicata é fuorviante e il metodo utilizzato per la premialità è ingiusto e ipocrita nei confronti dei comuni più grandi che compiono enormi sforzi per fare la raccolta differenziata e che per motivi non dipendenti dalla loro volontà non riescono a raggiungere la fatidica soglia del 65%.  La Regione Sicilia  che ha distribuito  5 milioni di  premialitá farebbe bene a spenderli per realizzare un impianto di compostaggio e per impianti di riciclo. Impianti che in Sicilia sono invece, nella quasi totalità , di proprietà dei privati che speculano alzando sempre più i prezzi di conferimento e ricattano i comuni chiudendo i cancelli ai nostri autocompattatori appena  ritardano i pagamenti”. Parole durissime quelle del primo cittadino d Carini che si chiede  “come sia possibile raggiungere la percentuale del 65% se non viene consentito ai comuni grandi, come Carini  di conferire l’organico: ci è concesso di conferire solo 10 tonnellate  a settimana,  al costo di 140 euro + iva x a tonnellata, a fronte delle 100 tonnellate prodotte a settimana solo nella stagione invernale.  É logico e matematico che così il comune di Carini e i comuni medio grandi,  in queste condizioni non possono raggiungere il 65 % , perché la quantità della frazione umida organica sulla differenziata incide per oltre il 60 % in percentuale; percentuale che il nostro comune aveva  raggiunto e superato e che poi è crollata non appena sono mancate le disponibilità di conferimento dell’umido.  Inoltre – prosegue il sindaco di Carini – i territori dei comuni come il nostro ,molto estesi,  sono di solito discariche di rifiuti indifferenziati e pericolosi provenienti proprio dai comuni “virtuosi” vicini come evidenziato da riprese di telecamere e da indizi ritrovati dai rifiuti, come nel caso di contrada Zucco,  dove abbiamo dovuto piazzare un sistema di videosorveglianza e per la quale spendiamo molti soldi per garantire il ritiro porta a porta, ma soprattutto per  pulire le discariche create dai cittadini di Montelepre e Giardinello.  Per non parlare dei rifiuti che, sempre dai comuni confinanti, arrivano sulla provinciale Carini- Montelepre, in contrada Crafamo , in via Ercole,  sul lungomare, persino nell’area industriale. Come si suol dire – sbotta il sindaco di Carini –   cornuti e mazziati”.  Giovì Monteleone, infine, auspica che “queste classifiche che mortificano chi lavora  per migliorare il servizio di raccolta dei rifiuti,  in realtà molto complesse, vengano abolite e lascino  il posto a più seri provvedimenti che permettano a tutti i comuni di avere le stesse opportunità  e gli stessi mezzi per offrire un servizio decente si cittadini che pagano la TARI e collaborano per fare la raccolta differenziata, ricordano che la SRR costa al comune 200 mila euro l’anno  senza che gli enti sovra comunali intervengano in aiuto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.