Dom. Mar 29th, 2020

Carini, piazza San Lorenzo verrà intitolata a Mons. Vincenzo Badalamenti (Video)

La città di Carini dedicherà piazza San Lorenzo a Mons. Vincenzo Badalamenti, nato nella città della Baronessa  Laura Lanza il 3 marzo del 1922 e deceduto, il primo marzo del 2006, lasciando a tutti il ricordo di una vita sacerdotale vissuta nel servizio di Dio e dei fratelli.    Mons. Vincenzo Badalamenti, sin da bambino, venne educato dai suoi genitori, Vito e Maria Lo Duca, con il timore di Dio.   Giovinetto fece gli studi elementari a Carini, manifestando ben presto la vocazione al sacerdozio,  Mons. Tommaso Mannino, allora Arciprete di Carini,  lo avviò al Seminario Arcivescovile di Monreale dove fece gli studi ginnasiali, liceali e teologici e il 26 maggio del 1945 venne ordinato sacerdote dall’Arcivescovo di Monreale Mons. Eugenio Filippi. I primi incaricchi che ebbe da giovane Sacerdote fu quello di insegnare lettere nel Seminario di Monreale e di cooperare come Vicario alla Chiesa Madree di Carini. Presto fu nominato dall’Arcivescovo assistente diocesano della gioventù italiana d’Azione Cattolica, carica che mantenne  sino al 21 maggio del 1969 quando fu nominato Arciprete di Carini, dove ha svolto per 29 anni, fino al 1998,  in maniera esemplare, la sua missione pastorale a servizio di tutti. Guida spirituale e modello d’imitazione è stato per lui il servo di Dio Mons. Tommaso Mannino il quale lo educò sin da piccolo ad una vita esemplare e di grazia. A Mons. Mannino nel 1976  ha dedicato un libro dal titolo “Un Prete che ho amato”, dove manifesta la conoscenza, l’amore e l’ammirazione verso questo Sacerdote, chiamato dai carinesi come il loro Don Bosco, perché sempre circondato da bambini e giovani. Altri libri scritti da Mons. Badalamenti sono:”Carini nell’arte”(1974),”Carini nella Cultura” (1976),”Carini nelle tradizioni popolari” (1980), “Carini nella Storia” (1992) e “Soffi di Verginità, dove mostra il suo amore e l’ammirazione per sacerdoti, religiosi suore e laici carinesi che hanno lasciato un grande esempio di vita cristiana. Col pensiero andando al periodo quando fu assistente diocesano della gioventù, va ricordato l’entusiasmo che suscitò nei giovani di tutta l’Arcidiocesi, educandoli alla vita di grazia e alla devozione alla Madonna. Il 25 Maggio del 2005 Mons. Badalamenti ha voluto ringraziare il Signore per l’anniversario di 60 anni di sacerdozio, da lui vissuti in unione con Gesù eterno Sacerdote e in compagnia della Vergine SS. Immacolata. Si è spento serenamente nel Signore il primo Marzo 2006.   E sarà proprio nella ricorrenza del 14esimo anniversario della sua morte che, il Comune di Carini e la Parrocchia della Chiesa Madre, gli intitoleranno l’area del centro storico in cui insiste la struttura dell’ex ospedale Santo Spirito. Una iniziativa fortemente voluta dal sindaco Giovì Monteleone e dall’Arciprete Don Giacomo Sgroi.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.