Giardinello, bilancio polizia municipale del 2019: multe record con autovelox e per abbandono rifiuti

E’ stato un anno impegnativo per la polizia municipale di Giardinello che, pur con un organico estremamente precario (appena quattro agenti in servizio operativo a 18 ore settimanali) ha dovuto fronteggiare parecchie problematiche sul territorio.

Coordinati dal Responsabile “a scavalco” dal comune di Carini, comandante Marco Venuti, che il sindaco Antonio De luca ha richiesto e ottenuto grazie alla disponibilità dal collega carinese Giovì Monteleone, gli agenti hanno ottenuto buoni risultati.

Mediante l’utilizzo dell’apparecchiatura “autovelox” sono stati incrementati i verbali relativi alle violazioni del codice della strada, con 275 accertamenti di violazione.

Nel campo della polizia ambientale, anche attraverso l’utilizzo di un moderno sistema di videosorveglianza, sono state accertate 60 violazioni all’ordinanza comunale che regola il corretto smaltimento dei rifiuti.

E’ stata incrementata l’attività di polizia giudiziaria con sequestri d’iniziativa ed esitate deleghe d’indagine per conto della procura della Repubblica di Palermo.

La stessa Autorità Giudiziaria è stata informata per un caso di presunto maltrattamento di animali per il quale è stata delegata la stessa polizia municipale di compiere le attività d’indagine.

Significativo l’incremento della formazione professionale, sia attraverso la partecipazione ai corsi dell’associazione professionale ANVU, sia con l’attività formativa svolta direttamente dal responsabile.

“E’ un servizio che vuole crescere – dice Venuti – sia per volontà dell’amministrazione De Luca che degli stessi agenti. Purtroppo tutto è condizionato dalle risorse impiegate, sia umane che economiche, ma con l’impegno di tutte le componenti si potranno senz’altro raggiungere apprezzabili risultati, come dimostrano i dati consuntivi dell’anno che si sta chiudendo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.