Gio. Apr 9th, 2020

Torretta, si è insediato in Chiesa Madre il neo Arciprete Don Giuseppe Gradino

Si è insediato ieri in Chiesa Madre, il neo Arciprete di Torretta Don Giuseppe Gradino. Nato a Palermo il 15 luglio del 1975, proviene dalla comunità di Isola delle Femmine, dove ancora vive la sua famiglia. A 17 anni entra in seminario a Monreale e, dopo il diploma, consegue i gradi accademici alla facoltà teologica di Sicilia; mentre il 28 giugno del 2003 viene ordinato sacerdote dall’Arcivescovo Mons. Cataldo Naro che, lo inviò a Carini, prima come vicario di Mons. Antonino Licciardi, poi  come vice parroco dell’ex Arciprete Mons. Vincenzo Ambrogio. Nel 2010 è diventato parroco di Camporeale, dove per 10 anni  risistema la chiesa ed alcune opere d’arte custodite trovate in condizioni pietose, come i simulacri di San Giuseppe, del Crocifisso e della Madonna. Nel 2015, riporta ai fedeli della sua parrocchia il quadro della Madonna dei Peccatori, rubata 10 anni prima. Da ieri ha fatto ingresso nella Chiesa Madre di Torretta, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose del paese, ma anche dell’Arcivescovo di Monreale, Mons. Michele Pennisi, dell’Arciprete di Carini, Don Giacomo Sgroi, e di tanti sacerdoti provenienti da tutta la Diocesi.  “Vengo qui –  ha detto ieri mattina ai fedeli don Giuseppe Gradino – perché voglio amare, servire e incontrare qui, in mezzo a voi e attraverso voi,  Cristo Signore, Signore della nostra vita, di me sacerdote e di voi fedeli laici ma che possedete pur sempre un’altissima dignità anche e soprattutto sacerdotale oltre che profetica e regale in forza del vostro battesimo”. Il neo Ariciprete di Torretta ha infine ringraziato tutti gli intervenuti e rivolto un pensiero ai torrettesi sparsi nel  mondo, in particolare a quelli che risiedono negli Stati Uniti d’America, per la generosità da sempre mostrata nei confronti dei bisogni della Chiesa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.