Dom. Mag 24th, 2020

Partinico. Conti del comune in rosso, si valuta il pre-dissesto. Intanto il Pd scompare dal consiglio

Il comune di Partinico potrebbe avviare la procedura di pre dissesto finanziario. I numerosi debiti fuori bilancio, le scarse entrate tributarie e le difficoltà a combattere l’evasione fiscale non consentono di proseguire nella gestione regolare della macchina amministrativa. Non è un caso che il comune deve ancora approvare il bilancio di previsione 2017 quando ormai siamo nel 2018 e solo ieri il consiglio comunale ha approvato il rendiconto 2016. L’unica strada percorribile che stanno vagliando in queste ore i funzionari contabili è quella di dichiarare il pre dissesto finanziario, ovvero concordare con il governo un piano di riequilibrio, una sorta di prestito per estinguere i debiti da pagare in 10 anni.

Nei prossimi giorni il presidente del consiglio Filippo Aiello incontrerà i consiglieri, il commissario straordinario e i funzionari del municipio per fare il punto sulla difficile situazione dei conti.

Intanto a pochi mesi dalla scadenza del mandato, ci sono nuovi assetti politici in consiglio comunale annunciati ieri in aula. Dopo l’addio al Partito democratico dato dall’ex sindaco Salvo Lo Biundo, candidato non eletto all’Ars, adesso tocca anche ai consiglieri di maggioranza che hanno deciso ieri di annunciare l’uscita dal Pd.

Si tratta di Aldo Lo Iacono e Calogero Amoroso che hanno costituito il “Gruppo misto moderato”.

“Le motivazioni – spiega Lo Iacono – riguardano l’attuale panorama politico nazionale e regionale che hanno creato una situazione di incertezza che non riesce a dare più risposte alle esigenze dei cittadini. Questo clima di incertezza si è ripercorso anche a livello locale a questo si aggiungono numerosi errori di valutazione/gestione politica dell’amministrazione uscente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.