Crocetta convoca i sindaci: «Carini e Partinico scaricheranno a Bellolampo»

VINCENZO LEONARDI/LA PRESSE - CATANIA, 17/10/2012 - Manifestazione ''Cambia la Sicilia, cambia l'Italia'' con ospite il segretario nazionale del PD, Pierluigi Bersani, a sostegno del candidato presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta. Nella foto Rosario Crocetta.

Vertice domenicale convocato d’urgenza ieri dal presidente della Regione Crocetta per affrontare l’emergenza rifiuti. Una riunione straordinaria alla quale, nel caldo pomeriggio, di ieri sono stati sono stati invitati a partecipare i sindaci del palermitano che conferiscono la spazzatura a Lentini, il sindaco Orlando e i vertici delle discariche siciliane. All’incontro però avrebbe partecipato solamente il primo cittadino di Carini Giovì Monteleone, mentre tutti gli altri amministratori interessati dal problema non si sarebbero presentati. “Orlando non mi risponde al telefono, il sindaco di Partinico è irraggiungibile, quello di Bagheria” ha detto il governatore al Giornale di Sicilia. “Sono stato contattato tardi e non sarei riuscito ad arrivare in tempo” replica Lo Biundo. A riferire dell’incontro è il sindaco di Carini. “Dopo aver ricevuto la telefonata mi sono subito precipitato a Palermo per non perdere l’opportunità di incontrare chi mi dovrebbe dare risposte per togliere i rifiuti dalle strade del nostro territorio . Al mio arrivo ho trovato il Presidente della Regione, i gestori delle discariche di Bellolampo e Lentini, dove per ora conferisce Carini. Era presente anche il dirigente dell’assessorato regionale alla Energia e Rifiuti. Il presidente Crocetta – afferma Monteleone – ha chiesto ai dirigenti della Rap di Bellolampo, che ha un impianto di TMB con una capacità di trattamento di 750 tonnellate giornaliere, di accogliere i rifiuti dei comuni dell’area metropolitana di Palermo e propone di dotare l’impianto di Bellolampo di un ulteriore impianto mobile di trattamento per aumentare la capacità di accogliere i rifiuti e quindi la possibilità di conferimento per gli altri comuni . 
I vertici della Rap – riferisce Monteleone – argomentano che loro possono risolvere solamente i problemi dei rifiuti di Palermo. Per quelli degli altri comuni il compito è della regione . Intervengo e sostengo che Carini in questo periodo ospita 60 Mila palermitani che villeggiano e quindi il problema è anche del sindaco della area metropolitana di Palermo, che guarda caso è il sindaco di Palermo e quindi proprietario della Rap, e che pertanto a Carini spetta di diritto conferire a Bellolampo non potendosi permettere i costi altissimi di conferimento a Lentini.
Ma Orlando – racconta ancora Monteleone – non era presente e non posso sapere cosa ne pensa, quale sarà la sua risposta e se ci sarà una risposta.”
Al termine dell’incontro, il presidente Crocetta avrebbe assicurato che oggi sarà emanata un’ ordinanza che consentirà ai grossi comuni del palermitano, compresi Carini e Partinico, da martedì a Bellolampo. Oggi si terrà una nuova riunione, per confermare, si spera, quanto annunciato ieri dal governatore. Crocetta dovrebbe firmare infatti un’ordinanza per obbligare Bellolampo ad accettare le disposizioni della Regione. Non ci sta il sindaco Leoluca Orlando che accusa Crocetta e l’assessore Vania Contraffatto di creare il caos nella gestione dei rifiuti. Il primo cittadino di Palermo avrebbe comunque confermato la disponibilità a rivere i rifiuti dell’area metropolitana. A farlo sapere è il sindaco di Partinico Lo Biundo, vicepresidente di Anci Sicilia. “E’ particolarmente importante – afferma – in un’ottica di piena solidarietà tra territori, che il sindaco di Palermo abbia confermato, come già fatto in passato, la totale disponibilità della discarica di Bellolampo ad accogliere, i rifiuti provenienti da altri comuni. Siamo pienamente consapevoli, però, del fatto che la conferma della disponibilità non sia sufficiente a risolvere nel breve e nel medio periodo tale situazione e riteniamo che sia necessario l’adeguamento alla legge delle altre discariche presenti nella Regione.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.