San Giuseppe Jato. Ultimati i lavori sulla provinciale 20

Jpeg

Ultimati i lavori di urgenza per ripristinare la viabilità sulla sp20. La strada, che collega il territorio jatino con Monreale e Palermo, due anni fa era stata colpita da frane e smottamenti. “Già lo scorso anno – commenta il sindaco Davide Licari – avevamo richiesto all’ex Provincia di intervenire al più presto sulla vecchia strada per Palermo”. I lavori, costati 42 mila e 500, erano stati appaltati lo scorso 10 settembre all’impresa “Presti srl” di Terme Vigliatore, con un ribasso del 7,15%. Da allora sono state seguite opere di messa in sicurezza, livellamento e pavimentazione in alcuni tratti della provinciale che è finalmente tornata transitabile, anche se rimane ancora il cartello di “strada interrotta la transito”. Si passa dunque, ma “ufficiosamente”. All’altezza del chilometro 7, infatti, la viabilità era stata ripristinata due anni fa con un intervento eseguito da alcuni privati, che hanno colmato una frana con detriti e materiale inerte. Un intervento tampone messo in atto per consentire soprattutto il transito dei mezzi pesanti in entrata ed in uscita da una cava che si trova nella zona. Non solo camion però. Lungo la sp20, strada panoramica che da Portella della Paglia immette nella valle dello Jato, sorgono infatti anche numerose abitazioni e aziende zootecniche ed agroalimentari. Dal 1997, anno in cui venne aperta al transito la statale 624 Palermo-Sciacca, la vecchia provinciale, da arteria principale, è divenuta strada secondaria. Di qui l’abbandono che, unito alle frane, ne ha portato alla chiusura e al sorgere di discariche abusive di rifiuti. Proprio nei giorni scorsi, grazie ad un’intesa fra i Comuni di San Giuseppe Jato e Monreale, è con cominciata la pulizia di alcune aree. Da rimuovere rimangono però ancora una discarica in contrada Figurella, dove sono presenti cumuli di amianto, e una in contrada Ginestra, dove un incendio doloso ha trasformato i rifiuti solidi urbani in rifiuti speciali. E proprio per contrastare il fenomeno, oltre alla videosorveglianza, il Comune jatino e il Comando dei carabinieri di Monreale intensificheranno il pattugliamento da parte di polizia municipale e militari. Venerdì prossimo è previsto un vertice in Comune per dare vita ad una “task-force” contro i reati ambientali ed, in particolare, contro il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. In campo ci saranno carabinieri, polizia municipale, guardie forestali, cantonieri dell’ex Provincia e Anas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.